Categorie: News

Lo Stato del Kentucky pagherà 225 mila dollari per l’omofobia della sua dipendente Kim Davis

Lo Stato del Kentucky dovrà pagare 225 mila dollari alla coppia gay a cui la funzionaria Kim Davis rifiutò i documenti per il matrimonio. Lo ha stabilito la Corte d’Appello con un provvedimento emesso lo scorso 23 agosto.

Il “no” alla coppia gay

Era il 2015 quando una coppia di uomini, dopo la storica sentenza della Corte Suprema che estendeva il matrimonio anche alle coppie dello stesso sesso, si recò in un ufficio comunale del Kentucky per chiedere la licenza di matrimonio. Per loro sfortuna, trovarono Kim Davis dall’altra parte dello sportello che, adducendo ragioni di obiezione di coscienza, si rifiutò di rilasciare il documento ai due.

Il caso fece il giro del mondo e Davis fu perfino condannata a diversi giorni di prigione per quel “no”. Nel 2017 il giudice David Bunning del tribunale distrettuale, condannò lo Stato del Kentucky ad un risarcimento di 225 mila dollari. Il giudice aveva stabilito, infatti, che dato che Davis agiva nella sua funzione di pubblico ufficiale, dovesse essere lo Stato a pagare per quel comportamento.

Il governatore tenta di scaricarla

Il governatore del Kentucky, Matt Bevin, dichiarò che la signora Davis aveva agito di sua sponte, anche se lui ne condivideva le idee.
A gennaio di quest’anno, il repubblicano Bevin, sostenne che Davis era responsabile in prima persona per il suo gesto e che quindi doveva pagare lei la sanzione.
Ora, però, un collegio di tre giudici della Corte d’Appello del sesto circuito di Cincinnati ha confermato la decisione del giudice Bunning. A pagare sarà lo stato.

Un monito

The American Civil Liberties Union (ACLU), che ha difeso la coppia, ha dichiarato a USA Today: “La corte ha lanciato un messaggio ad altri ufficiali di stato civile del Kentucky: non solo è incostituzionale usare il proprio ruolo di pubblico ufficiale per imporre le proprie idee religiose agli altri, ma può anche essere un errore molto costoso”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020

Insulti a coppia gay in viaggio di nozze: lo chef disegna un pene sul piatto

Una brutta sorpresa, per una coppia di uomini in viaggio di nozze in Puglia.

12 settembre 2020

La stanza dei canarini: l’amore tra Giulia e Adele, una storia tutta schiaffi

«Perché è questo che succede quando due si lasciano. Succede che uno decide di morire…

12 settembre 2020