Arcigay lancia un questionario su bisogni e risorse della comunità Over 50

Quali sono la percezione, le risorse e i bisogni della comunità LGBTI anziana?
Lo chiede Arcigay con un sondaggio anonimo, rivolto a tutta la popolazione maggiorenne, sia LGBTI sia eterosessuale in Italia e all’estero.
Nell’ambito del progetto Silver Rainbow, Arcigay lancia azioni multilivello per l’invecchiamento positivo della popolazione anziana LGBT, il contrasto alle solitudini involontarie, il dialogo intergenerazionale e la promozione dell’accoglienza e della visibilità in contesti non LGBTI, realizzato dall’associazione, in collaborazione con Arci pesca FISA e con il sostegno del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Il sesso e l’amore

Un sondaggio che si interroga sulla visibilità delle persone anziane LGBTI, ma non solo: “Sono soddisfatti della propria vita sessuale i giovani, gli adulti oppure gli anziani? E per quanto riguarda l’amore?”
Il processo di invecchiamento, si legge in una nota di Arcigay, può essere di per sé una condizione che porta gli individui a un rischio di invisibilità, solitudine involontaria, esclusione sociale o discriminazione. La terza e quarta età LGBTI è questione ancora più complessa e relativamente nuova che va affrontata su più livelli: oggi le persone LGBTI senior sono tendenzialmente invisibili”

Modelli

Mancano modelli di riferimento sull’invecchiare bene per le persone LGBTI, – sottolinea Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay – per quanto esistano esperienze che affrontano per esempio il tema dell’abitare della terza e quarta età LGBTI guardando al co-housing intergenerazionale o a modelli similari. E del resto l’anziano LGBTI già oggi mostra di avere risorse e capacità di resilienza, che però conosciamo poco e che andrebbero approfondite in un’ottica di empowerment”

Dialogo intergenerazionale

Come spiega Piazzoni: “Affrontare questa invisibilità e contrastare le solitudini involontarie a più livelli” è l’idea cardine del progetto. Conoscere meglio i bisogni dell’anziano LGBTI; promuoverne la visibilità, il benessere e l’integrazione nella comunità LGBTI favorendo il dialogo intergenerazionale e percorsi abitativi adatti

Come compilare il questionario

Dopo questa prima fase di somministrazione dei questionari, il progetto proseguirà con dei focus group realizzati in alcune città campione, per poi arrivare a creare materiali di formazione e comunicazione. Il questionario è disponibile qui . Per avere tutte le informazioni sul progetto clicca qui )

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Varese, licenziato primario omofobo: aveva insultato paziente in sala operatoria

Licenziato il medico che ha insultato con frasi omofobi il suo paziente, a Varese

14 agosto 2020

“Dove non siamo stati”, corpo e spazio in Giovanna Cristina Vivinetto

Nell'opera di Giovanna Cristina Vivinetto c'è il cuore pulsante di tutta la poesia possibile

14 agosto 2020

Oltre 50 arresti e pestaggi della polizia contro la comunità lgbt+ in Polonia

>"Le istituzioni internazionali intervengano immediatamente per proteggere i cittadini". E' l'appello disperato di Ilga Europe…

8 agosto 2020

Non serve il ricovero per la pillola abortiva: Tesei smentita dal ministero

Il ministero della Salute fa, finalmente, chiarezza sul ricorso alla Ru486, la cosiddetta pillola abortiva:…

8 agosto 2020

Omofobia al ristorante: si lamentano del servizio, proprietario li insulta

Tre clienti si lamentano per il servizio al ristorante, ma il proprietario li insulta con…

6 agosto 2020

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020