Il prete maggior fautore del movimento “no gender” sotto accusa per aggressione sessuale

Si chiama Tony Anatrella ed è un prete della diocesi di Parigi, ma è anche psicanalista, psicoterapeuta e specialista in psichiatria sociale. A lui si deve la diffusione dello spauracchio della cosiddette “teoria gender” (o “ideologia gender”). Ora, però, è ufficialmente indagato dalla curia parigina per le accuse di aggressione sessuale che alcuni suoi pazienti gli hanno rivolto. Settantacinque anni, il prelato francese è già stato sentito da un’apposita commissione istituita dal cardinale André Vingt-Trois all’inizio dell’estate scorsa per accertare i fatti denunciati dagli ex pazienti di Anatrella.

Parigi conferma la notizia

Padre Tony Anatrella

A confermare la vicenda è l’AgenSir (Servizio Informazione Religiosa) che a sentito direttamente la diocesi di Parigi.
Le prime segnalazioni su padre Anatrella risalgono al 2006. Da allora, secondo AgenSir, l’arcivescovo di Parigi solo nel maggio scorso ha incoraggiato le presunte vittime degli abusi del prelato, ad uscire dall’anonimato contattando la diocesi e sporgendo formale denuncia.

Aperto processo canonico

Sulla base di un rapporto sul caso stilato dalla commissione, la diocesi fa sapere che “il cardinale Vingt-Trois ha ritenuto necessario aprire un processo canonico. Ne ha informato le autorità romane interessate. (…) Sul piano civile, il cardinale Vingt-Trois, alla fine del 2016, ha segnalato al procuratore di Parigi di aver aperto il processo canonico”.
Padre Anatrella è autore di libri come “La teoria del gender e l’origine dell’omosessualità. Una sfida culturale” (2012), “Gender, la controverse” (2011), “Gender, qui es-tu?” (2012, scritto con Olivier Bonnewijn e Michel Boyancé). Secondo Wikipedia, “è consultore del Pontificio consiglio per la famiglia e del Pontificio consiglio per la salute. È membro della Commissione internazionale d’inchiesta su Medjugorje presso la Congregazione per la dottrina della fede. È professore invitato presso l’Istituto Giovanni Paolo II di Roma”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

“Non si può evitare di dire la verità quando si scrive”: in memoria di Delia Vaccarello

«Devi credere in quello che senti, vatti a prendere l’amore che ti aspetti. Non vista…

27 settembre 2020

Gabriel Garko, un coming out al momento opportuno che arriva al target giusto

Cosa ci insegna il coming out del famoso attore al Grande Fratello Vip.

26 settembre 2020

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020