Presto lo Stato di Washington potrebbe riconoscere legalmente le persone non binarie

Lo Stato di Washington potrebbe presto riconoscere legalmente le persone non binarie. È stata infatti presentata una proposta per introdurre sui documenti una terza scelta di genere, contrassegnata con una “X”. L’opzione sarebbe disponibile su patenti di guida, certificati di nascita, carte di identità ecc.
Se approvata, la novità entrerebbe in vigore entro due mesi e cioè da febbraio 2018.

“Per me è un sogno”

Durante un’audizione pubblica sulla proposta, le persone a favore erano nettamente più di quelle contrarie.
“Come bambino cresciuto nel mid-west – ha spiegato uno dei ragazzi presenti -è un sogno per me vedere uno stato come Washington parlare della possibilità di legalizzare le identità non-binarie, quando nella maggior parte dei casi siamo invisibili”.
“Sono grato di vivere in un’epoca in cui le persone trans iniziano ad essere trattate con più equità, comprensione e compassione – ha dichiarato Tobias Gurl durante l’incontro -, e di vivere e lavorare in uno stato dove stiamo ricevendo più riconoscimento che mai”.

“Conseguenze involontarie”

Gli oppositori hanno parlato di “conseguenze involontarie” senza precisare a cosa si riferissero. “Stiamo per creare molte vittime in questo processo” ha dichiarato Kaeley Triller Haver, co-fondatrice di un’associazione contraria al riconoscimento dei diritti delle persone trans.

Washington il primo stato degli Usa

Lo Stato di Washington prenderà una decisione entro la fine dell’anno. Se la decisione fosse positiva, Washington sarebbe il primo stato degli Usa a rilasciare patenti e carte di identità con indicazione di genere neutro
Anche in Oregon e in California si discutono provvedimenti simili, ma quello di Washington sembra essere un iter più veloce.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Annullato anche il Torino Pride: “Un flash mob e una campagna per comprare mascherine”

Prepariamoci, perché ormai è chiaro che a comunicazioni come questa, come quella del Roma Pride…

6 aprile 2020

Coronavirus: il Roma Pride rimandato (senza data)

Dopo l'Umbria, anche Roma ferma tutto. Ma non è uno stop completo: il Roma Pride…

5 aprile 2020

La Cassazione ha deciso: la mamma è solo quella che partorisce

Una sola mamma: quella che partorisce. Così si è appena pronunciata la Corte di Cassazione…

3 aprile 2020

Coronavirus: i pieni poteri di Orbán si abbattono sulle persone trans

Com'è noto, con un voto del parlamento, il premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto "pieni…

1 aprile 2020

“Siete gay, siete più esposti al covid-19, lasciate casa vostra”: coppia minacciata in Francia

Una storia assurda, denunciata su Facebook, che arriva direttamente dalla Francia.

1 aprile 2020

TDoV 2020, i corpi e la voci della visibilità transgender in Italia

Ecco le iniziative per celebrare il Transgender Day of Visibility in Italia.

31 marzo 2020