Categorie: Cool

Perugia: attesi 200 atleti da tutta Europa per il torneo di pallavolo contro le discriminazioni

Inizia domani la quinta edizione di Omphalos Volley Tournament, il torneo internazionale di pallavolo organizzato a Perugia da Omphalos LGBTI. In città sono attesi oltre 200 atleti e atlete da Francia, Inghilterra e Svizzera. Insieme a loro anche altri da diverse città italiane, per un totale di 25 squadre.
L’evento, che si svolgerà tra il palazzetto dello sport di Perugia e quello di Marsciano, ha lo scopo di promuovere lo sport come strumento contro le discriminazioni e per i diritti di tutte e tutti.

Un’immagine del torneo dello scorso anno

Lo sport come terreno di integrazione

«Il quinto Omphalos Volley Tournament – commenta Stefano Bucaioni, presidente dell’associazione – conferma la validità del progetto sportivo dell’associazione. Nato ormai quasi 10 anni fa con la creazione di una squadra di pallavolo, già nell’anno di esordio al campionato provinciale è arrivata a contendersi i play off». «Con il tradizionale torneo nazionale di febbraio, Omphalos vuole ribadire il valore dello sport come terreno di integrazione e palestra di tolleranza e attraverso lo sport parlare di diritti della comunità LGBTI, di lotta contro le discriminazioni e la violenza e di uguaglianza».
Quella di pallavolo non è l’unica squadra del gruppo sportivo di Omphalos. Dal 2017, infatti, si è aggiunta anche quella di nuoto. Sono una cinquantina gli atleti e le atlete impegnate nelle due squadre.

Un weekend di sport che fa bene alla città

«Il torneo annuale rappresenta un momento di grande valore sportivo e di forte integrazione per la comunità oltre che una vetrina per la città – aggiunge Fabio Cappuccini, responsabile sport di Omphalos –. Per un weekend, infatti, oltre agli atleti coinvolti nel torneo arriveranno a Perugia tanti accompagnatori e tifosi. Questo significa visibilità. Ma anche una grande opportunità di sensibilizzazione su tematiche centrali per l’attività di Omphalos, come la salute e la battaglia contro ogni forma di discriminazione».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La Cassazione ha deciso: la mamma è solo quella che partorisce

Una sola mamma: quella che partorisce. Così si è appena pronunciata la Corte di Cassazione…

3 aprile 2020

Coronavirus: i pieni poteri di Orbán si abbattono sulle persone trans

Com'è noto, con un voto del parlamento, il premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto "pieni…

1 aprile 2020

“Siete gay, siete più esposti al covid-19, lasciate casa vostra”: coppia minacciata in Francia

Una storia assurda, denunciata su Facebook, che arriva direttamente dalla Francia.

1 aprile 2020

TDoV 2020, i corpi e la voci della visibilità transgender in Italia

Ecco le iniziative per celebrare il Transgender Day of Visibility in Italia.

31 marzo 2020

“Coronavirus? È la collera di Dio contro i gay”: così un consigliere vicino a Trump

Dichiarazione choc di un pastore evangelico, molto vicino al governo del presidente americano.

30 marzo 2020

Coronavirus, la campagna per il sostegno alle persone Lgbt+ durante l’isolamento

La Rainbow Line in aiuto delle persone Lgbt+ chiuse in casa a causa del coronavirus.

26 marzo 2020