Categorie: News

Famiglie arcobaleno, Parma: la procura fa ricorso contro 4 atti di nascita

La Procura di Parma ha deciso di ricorrere contro quattro atti di riconoscimento avvenuti lo scorso 21 dicembre,  grazie al primo cittadino Federico Pizzarotti. I riconoscimenti riguardavano altrettanti bambini ed era a favore di alcune donne unite civilmente o conviventi con le madri naturali dei piccoli.

Le ragioni del ricorso

Le ragioni del ricorso, come riporta la Gazzetta di Parma, risiedono nel fatto che secondo il codice civile e secondo l’ordinamento dello stato civile, «l’atto di riconoscimento successivo» che è quello fatto proprio dal sindaco, «sarebbe previsto solo per il figlio nato fuori dal matrimonio e potrebbe essere effettuato esclusivamente dalla madre e dal padre che non lo abbiano riconosciuto al momento della nascita». Per questa ragione non possono essere i coniugi dello stesso sesso a potervi ricorrere in quanto una donna «non è madre nè tantomeno può essere padre».

Le motivazioni della procura

Federico Pizzarotti (foto di Simona Granati)

«Nonostante lo sbarramento normativo», sostiene ancora la Procura, alcuni sindaci hanno «ritenuto ugualmente di poter ricevere le dichiarazioni di riconoscimento successivo. E in altri casi, si legge ancora, «allorquando la richiesta non sia stata accolta dal Comune» sono stati alcuni tribunali ad ordinare «all’Ufficiale di stato civile di ricevere gli atti di riconoscimento». A Parma non la pensano così, invece: «Rifacendosi ai principi della separazione dei poteri […] e del rispetto della legge […]» la procura «ha sostenuto l’illegittimità degli atti di riconoscimento in questione».

La replica di Pizzarotti

Su Facebook, intanto, non tarda la risposta di Pizzarotti: «La procura di Parma ha annunciato ricorso contro il nostro riconoscimento di quattro bambini da parte di coppie dello stesso sesso. Donne che si amano con semplicità, e che al mondo chiedono soltanto di poter amare, curare e crescere i loro bambini. Rispetto le idee e le opinioni di tutti, ma sui diritti è necessario essere coraggiosi e andare avanti» scrive il sindaco.

Il dovere dei sindaci

«Se la politica nazionale non ha coraggio, e anzi spesso fomenta odio su questi temi creando leggi lacunose e interpretabili, sta ancora una volta ai sindaci porsi come frontiera dei diritti dei propri cittadini» dichiara ancora il primo cittadino di Parma, tornando sulla questione della separazione dei poteri. «In Italia sono stati fatti decine di riconoscimenti in questi anni, ma evidentemente un confronto in punta di legge doveva vedere Parma come la prima città a dover difendere un diritto. Lo faremo ancora una volta perché Parma era, è e resterà la Città dei Diritti» promette infine.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Coronavirus: i pieni poteri di Orbán si abbattono sulle persone trans

Com'è noto, con un voto del parlamento, il premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto "pieni…

1 aprile 2020

“Siete gay, siete più esposti al covid-19, lasciate casa vostra”: coppia minacciata in Francia

Una storia assurda, denunciata su Facebook, che arriva direttamente dalla Francia.

1 aprile 2020

TDoV 2020, i corpi e la voci della visibilità transgender in Italia

Ecco le iniziative per celebrare il Transgender Day of Visibility in Italia.

31 marzo 2020

“Coronavirus? È la collera di Dio contro i gay”: così un consigliere vicino a Trump

Dichiarazione choc di un pastore evangelico, molto vicino al governo del presidente americano.

30 marzo 2020

Coronavirus, la campagna per il sostegno alle persone Lgbt+ durante l’isolamento

La Rainbow Line in aiuto delle persone Lgbt+ chiuse in casa a causa del coronavirus.

26 marzo 2020

Effetto coronavirus: annullato l’Umbria Pride (e non sarà il solo)

Per la prima volta, sarebbe stato "Umbria Pride" e non più "Perugia Pride". Ma ieri…

26 marzo 2020