Milano, Sala registra i bambini nati da genitori dello stesso sesso

Oggi, in Sala Giunta, Palazzo Marino, il sindaco Beppe Sala firmerà gli atti di nascita di alcuni bambini nati a Milano da famiglie arcobaleno: entrambe le madri saranno registrate.
Una risposta netta alle polemiche che hanno travolto Roma, dove pochi giorni fa il Comune aveva negato questa possibilità a due mamme, ma anche alle dichiarazioni del neo nominato ministro della Famiglia e della Disabilità, Lorenzo Fontana, che si è affrettato a posizionare la bandierina sulle sue posizioni paleoliche in tema di gay e “famiglia”. “Ha detto che [le famiglie arcobaleno] non esistono? -aveva risposto Sala- Sono in totale disaccordo, noi continueremo la nostra battaglia, tutto quello che potremo fare sulla via dei diritti lo faremo”. E ha aggiunto: “La contemporaneità è questa e ignorare una parte consistente della società è profondamente sbagliato”.

Per Marilena Grassadonia, presidente di Famiglie Arcobaleno, “È un atto giusto e positivo ma anche dovuto e che ci rende felici anche perché coinvolge una delle famiglie fondatrici dell’associazione. Ora ci aspettiamo che il Sindaco Sala faccia fronte al suo impegno riconoscendo anche le altre famiglie, perché anche un solo giorno in più rischia di pregiudicare la serenità delle tante famiglie in attesa di tutela”.
L’Amministrazione milanese -si legge in una nota congiunta di FA e Avvocatura per i Diritti LGBTI – Rete Lenford- ha già dichiarato che nei prossimi giorni procederà a completare l’iter delle oltre trenta richieste di riconoscimento inoltrate all’Ufficiale di Stato civile.

La storia di Francesca e Maria

I protagonisti sono sempre i bambini, ma non possiamo dimenticare le mamme. In particolare, non possiamo non menzionare Francesca e Maria: furono loro, assieme ad altre donne coraggiose, che nel 2005 fondarono Famiglie Arcobaleno. Ecco le parole emozionate che Francesca ha scelto di condividere sui social:

Oggi è un grandissimo giorno, 15 anni di battaglie troveranno il loro riconoscimento nella stretta di mano del sindaco di Milano, Sala, che riconoscerà la nostra famiglia sull’atto di nascita dei nostri figli.
Grazie, Comune di Milano: oggi a Palazzo Marino saremo poche ma rappresenteremo tutte le Famiglie Arcobaleno di Milano, dalle più nuove alle più stagionate.
15 anni fa io e Meri fummo tra le fondatrici di Famiglie Arcobaleno, che oggi porta avanti senza pause battaglie di giustizia e civiltà. Ringrazio Giuseppina La Delfa, Maria Elena Mantovani e con loro tutto il manipolo di famiglie che diede vita a questa avventura, e ringrazio Marilena Grassadonia, attuale presidente, il direttivo, e insieme tutte le Famiglie Arcobaleno di oggi che la fanno continuare a vivere con sempre rinnovata energia.
Da soli siamo poco, insieme cambiamo il mondo (è quello che cerco di insegnare ai miei figli, in questo mondo che sembra dimenticarlo ogni giorno).

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Inizia il mese dell’orgoglio lgbt+: bruciata bandiera arcobaleno in provincia di Pisa

La bandiera con i colori dell'orgoglio lgbt+ appesa fuori dalla casa di una famiglia arcobaleno…

1 giugno 2020

“Arcilesbica fuori dall’Arci”, la raccolta di firme per l’espulsione dalla federazione

Affermazioni sono lesive della dignità delle persone trans*, secondo i firmatari e le firmatarie.

28 maggio 2020

Matrimonio egualitario in Costa Rica, il paese più felice del mondo

Le nozze per tutti e tutte legali dalla mezzanotte di ieri nel paese centro-americano.

26 maggio 2020

Fico: “Le discriminazioni riguardano tutti: avanti con la legge su omotransfobia”

"Quando si parla di discriminazioni siamo coinvolti tutti e dobbiamo superarle". Così poco fa a…

19 maggio 2020

Ungheria: il Parlamento approva la legge di Orban contro le persone trans

E' ufficiale. In Ungheria il Parlamento ha approvato la proposta del primo ministro Orban di…

19 maggio 2020

“Se Salvini scende in piazza, riorganizziamo i Pride”

Com'è noto, il leader della Lega Salvini ha annunciato una manifestazione per il prossimo 2…

19 maggio 2020