Categorie: Rainbow

Anno nuovo, Gaypost.it nuovo: buon 2020 a tutte e tutti voi!

“Anno nuovo, vita nuova” recita il tradizionale adagio che popola i discorsi di questo periodo dell’anno. E no, non vogliamo adeguarci alle frasi fatte, solo perché lo fanno un po’ tutti. Vogliamo, invece, rivelarvi qualcosa che riguarda Gaypost.it. E che riguarda, appunto, il cambiamento.

Da quasi quattro anni abbiamo cominciato un viaggio insieme a voi. Un viaggio che ha cercato di fornire una narrazione diversa rispetto ad un panorama – quello dell’informazione e, nello specifico, quella inerente ai temi Lgbt+ (ma non solo) – spesso poco attento della vita delle persone che stanno dentro a quella sigla. Lo abbiamo fatto ascoltando la diretta voce dei protagonisti e delle protagoniste delle notizie che abbiamo proposto. E lo abbiamo fatto, in più di un’occasione, facendo parlare direttamente coloro che ci hanno dato la loro fiducia e ci hanno raccontato le loro storie.

Abbiamo fondato Gaypost.it nell’ottica per cui raccontarsi è una forma di autodeterminazione e continuiamo a crederlo. E abbiamo cercato di offrire un’informazione che coprisse un panorama quanto più ampio possibile: dalla cronaca all’approfondimento, passando per interviste, recensioni, consigli di lettura, notizie dal mondo e – come avevamo promesso sin dal principio – alternando argomenti più profondi con quelli più leggeri.

Dopo quattro anni pensiamo che sia giunto il momento di cambiare. Perché crescere non significa solo permettere che il tempo trascorra, tra un evento e l’altro. Ogni processo di crescita infatti, se vuol essere tale, porta con sé la dinamica del mutamento. Succede al divenire della lingua, allo stratificarsi delle tradizioni e al susseguirsi dei fatti storici. Accade anche alle creature viventi, nel loro incedere nell’esistenza. La vita stessa è cambiamento, a ben vedere. Non vogliamo sottrarci a questa legge, che riguarda anche noi. Il nostro “qui ed ora” nel web.

Da oggi, quindi, Gaypost.it cambia il suo taglio. Abbiamo deciso di puntare di più sulla qualità, selezionando gli argomenti e attraverso un approfondimento dei fatti più importanti che si susseguiranno nel corso del nuovo anno. Ci occuperemo, dunque, molto meno della cronaca – che non sparirà del tutto – e ci dedicheremo all’attualità, alla politica, alle questioni sociali, alle identità e alla cultura. Sempre con un occhio puntato a quella leggerezza che ogni tanto ci permette di sorridere e di alleggerire il tiro. E sempre dando voce a tutte le realtà del mondo Lgbt+ e femministe, nell’ottica dell’intersezionalità. Gaypost.it sarà sempre la vostra casa. Sarà una casa più comoda, dove incontrarsi e ragionare insieme. Senza fretta, senza l’ansia della velocità. Perché, come dice un altro vecchio adagio, andando da soli si procede con passo più spedito, ma andando insieme di arriva lontano.

Cominciamo dunque così il nostro 2020. Speriamo che vorrete proseguire in questo nuovo viaggio insieme a noi, così come avete sempre fatto. E sapendo che questa nuova avventura ci porterà ugualmente lontano, perché tanta strada abbiamo fatto grazie a tutte e tutti voi. Buon anno nuovo, quindi, e che sia un anno di lotta per un Paese migliore, di consapevolezza e di (auto)determinazione.

Lo staff di Gaypost.it

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

“Non si può evitare di dire la verità quando si scrive”: in memoria di Delia Vaccarello

«Devi credere in quello che senti, vatti a prendere l’amore che ti aspetti. Non vista…

27 settembre 2020

Gabriel Garko, un coming out al momento opportuno che arriva al target giusto

Cosa ci insegna il coming out del famoso attore al Grande Fratello Vip.

26 settembre 2020

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020