Politica&diritti

Eva, picchiata per una borsa arcobaleno: un caso che spiega “per chi” serve la legge Zan

La vicenda di Eva, la ragazza di Torino aggredita perché aveva una borsa rainbow, non va letta solo come un episodio di ordinaria omofobia, ma va vista anche come punta dell’iceberg di un clima generale che ha sdoganato il discorso d’odio, da una parte. E dall’altra aiuta a definire i contorni della necessità di una legge contro l’omo-bi-lesbo-transfobia. Ci aiuta, cioè, a capire non tanto perché, ma per chi è necessario il ddl Zan.

La vicenda di Eva, picchiata per la borsa arcobaleno

La vicenda è ormai tristemente nota. Eva e le sue compagne sono all’uscita della scuola. Porta una borsa con i colori dell’arcobaleno, abbinata ai calzini. Il branco le raggiunge. Partono gli insulti. Le ragazze non sono remissive e rispondono a tono. Quindi gli schiaffi, e ancora le ribellione delle vittime: «Adesso ti senti migliore?» domandano le ragazze all’aggressore. Da lì è una caduta a precipizio nel baratro della violenza. E non è solo quella fisica. Non è un incidente di percorso, in cui il bullo di turno si fa forte di una narrazione condivisa. No, non è solo questo. È violenza di sistema.

Nel branco, anche ragazzine

I bulli sono conosciuti nella zona della scuola di fronte la quale è avvenuta l’aggressione. «Circolano voci» si legge su Luce, «di una mamma minacciata dai genitori di una delle ragazzine della banda: “Se fai denuncia è peggio per te”». Sì, perché tra i bulli ci sono anche loro: le ragazze. Compagne di scuola delle alunne picchiate. Eva è addirittura finita in ospedale, con il naso rotto. «Racconti di violenze che si moltiplicano» leggiamo ancora, «incontrollate, che non si fermano nemmeno di fronte all’intervento delle forze dell’ordine allertate per placare gli animi».

Una violenza “di sistema”

Linguaggio omofobico, disprezzo della dignità altrui, diffuso senso di impunità, la violenza come moneta di scambio nell’interazione sociale. Tutti elementi che trovano una giustificazione e si alimentano in un dibattito pubblico – politico e da bar dello sport – che parla delle persone Lgbt+ senza dar voce a queste persone. La cancellazione dai talk show, dai programmi di approfondimento e dai telegiornali è speculare al tentativo di cancellazione dal quotidiano. Un sistema di informazione che ti narra senza permetterti di essere visibile – anzi, tenendoti bene a distanza – è l’altra faccia della medaglia di quella parte della società che prova a cancellarti con schiaffi e minacce. Perché, appunto, non vuole vederti.

Come la politica giustifica le aggressioni

Alcune compagne di Eva, con le bandiere rainbow in solidarietà alla compagna

La politica è il trait d’union di queste dimensioni. Sia in modo attivo, portando avanti un discorso spiccatamente anti-Lgbt+ (e possiamo dire grazie soprattutto a partiti e leader di destra, radicale e non, ma non solo a loro). Sia in forme più subdole e ugualmente dannose, cercando di depauperare provvedimenti a favore della comunità arcobaleno: ieri con la legge sulle unioni civili, invisibilizzando e discriminando le famiglie arcobaleno. Oggi con il ddl Zan, nel tentativo di affossare la legge e di cancellare le persone transgender, con le polemiche pretestuose sull’identità di genere. Se i primi a non prevedere, a nascondere e a voler rimuovere pezzi della nostra comunità sono coloro che dovrebbero legiferare per il bene comune (comunità arcobaleno inclusa), perché mai la società – o quanto meno, certi suoi settori – dovrebbe essere più benevola?

Per chi serve la Legge Zan

E a proposito di ddl Zan: non sappiamo se Eva sia una ragazza lesbica o meno. E, a dire il vero, non importa. Non è la sua identità che è sotto i riflettori o al banco degli imputati. È semmai la violenza che le hanno riservato che va considerata in tutto con tutte le sue criticità. La legge in discussione al Senato inciderebbe, infatti, non sull’identità sessuale della ragazza, ma sul crimine commesso. Se è lesbica, entrerebbe in vigore. Se etero, anche. E siccome è un’aggressione motivata da odio basato sull’orientamento sessuale, non importa se reale o presunto, scatterebbero delle aggravanti. Chi dice di no a questa legge, insomma, sta dicendo a Eva che quelle botte sono in un certo qual modo meno gravi. E ai bulli, grosso modo, la stessa cosa.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Laurel Hubbard, la prima atleta trans alle Olimpiadi, non ce l’ha fatta

La sua presenza ha portato molte polemiche, sul vantaggio rispetto le atlete cisgender. I fatti,…

2 Agosto 2021

Raven Saunders, braccia incrociate sul podio a sostegno dei diritti Lgbt+: rischia sanzioni

L'atleta porta sul podio «le persone in tutto il mondo che stanno combattendo e non…

2 Agosto 2021

Vettel ammonito per la maglia arcobaleno: “Non mi interessa, lo rifarei”

Contro di lui è arrivata prima un'indagine e poi un'ammonizione: "Squalificatemi, lo rifarei" il commento…

2 Agosto 2021

Lucilla Boari sul podio alle Olimpiadi di Tokyo. Poi il coming out: “Sanne è la mia ragazza”

Per la prima volta l'Italia vince una medaglia in una gara di tiro con l'arco.

30 Luglio 2021

I festival a tematica Lgbt+ della Val di Noto: gli eventi di agosto 2021

Film, presentazioni di libri e dibattiti sull'attualità della questione Lgbt+. Gli appuntamenti in Sicilia.

30 Luglio 2021

La società civile del Ghana contro la legge anti-Lgbt: “Limita la libertà sessuale”

La nuova legge impedirebbe anche di fare sesso utilizzando sex toys. Le dure parole di…

30 Luglio 2021