Categorie: News

Matrimonio egualitario in Costa Rica, il paese più felice del mondo

Il Costa Rica ha reso legale il matrimonio egualitario. Da oggi, 26 maggio 2020, il piccolo stato latino-americano diventa il primo paese dell’America centrale a dire di sì alle nozze per tutti e tutte. La decisione arriva a due anni di una storica sentenza che dava il via libera alla regolarizzazione delle coppie formate da persone dello stesso sesso. E dopo l’elezione del presidente Carlos Alvarado Quesada  che condusse la campagna elettorale dichiarandosi a favore.

Il primo matrimonio in diretta

La prima coppia sposata

A causa delle restrizioni dovute al covid-19, non ci sono stati festeggiamenti. Per permettere, tuttavia, alla comunità Lgbt+ costaricana di celebrare l’evento, è stato trasmesso in diretta il primo matrimonio celebrato, alla mezzanotte un minuto di oggi (ore 8:01, qui in Italia). Inoltre, riporta l’Ansa, «è stato trasmesso sulla tv pubblica e online un programma speciale sui diritti delle persone Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender (LGBT) mentre venivano celebrate le prime nozze».

Costa Rica, da 70 anni senza esercito

Il Costa Rica è una nazione che da oltre settant’anni ha abolito l’esercito. In tutto questo tempo, ricorda Il Fatto Quotidiano  il denaro risparmiato «è stato invece destinato ad educazione, conservazione ambientale e salute», investendo insomma «sullo sviluppo umano» e con «ricadute significative» per il benessere del popolo. Il piccolo stato latino-americano si è insomma guadagnato, così, l’appellativo di paese più felice del mondo. Da oggi, lo è un po’ di più.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020

Decreto sicurezza: mai più migranti lgbt+ respinti se arrivano da paesi omofobi

I migranti che nel loro paese rischiano persecuzioni per via del loro orientamento sessuale o…

18 novembre 2020

“Rettore donna” è solo Donatella. E studiate l’italiano, per dio!

Qual è la ragione per cui giornali e opinione pubblica resistono al femminile delle professioni?

15 novembre 2020

Brescia, il Tribunale dice sì: Luisa ha due mamme, nonostante la Cassazione

Il Tribunale di Brescia ha detto sì: la piccola Luisa (nome di fantasia) ha due…

14 novembre 2020