Categorie: NewsOnda Pride

L’Onda Pride non si ferma. Oggi cinque città: Roma, Ancona, Messina, Pavia, Trieste

Continua la stagione dell’Onda Pride. Nel secondo fine settimana di giugno si intensificano le celebrazioni dei moti di Stonewall che 50 anni fa diedero il via alle presa di parola del mondo omosessuale e trans.

🦄 LE AGENDER SONO TORNATE 🦄

Da Roma passando per lo stretto

L’Onda Pride entra nel suo quarto weekend di manifestazioni e ben cinque città si mobiliteranno oggi. Prima fra tutte Roma, che  alle 15 in piazza dell Repubblica ha dato appuntamento per il grande corteo che festeggerà, oltre ai 50 anni dai moti d’oltreceano, i 25 anni di parate nella Capitale. Per la prima volta ad Ancona arriverà il Marche Pride: l’appuntamento per la partenza è alle 15,30 al Passetto, nei pressi del Monumento dei Caduti. Rotta verso il sud, invece, con lo Stretto Pride di Messina, che ha fissato il suo avvio alle 15,30 in piazza Antonello. Dall’altra parte dello Stivale sarà invece Friuli Venezia Giulia Pride: appuntamento a Trieste in piazza Libertà alle 14,30. Infine, si rinnova l’appuntamento con il Pavia Pride: partenza alle 16 da Corso Cavour.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020

Decreto sicurezza: mai più migranti lgbt+ respinti se arrivano da paesi omofobi

I migranti che nel loro paese rischiano persecuzioni per via del loro orientamento sessuale o…

18 novembre 2020

“Rettore donna” è solo Donatella. E studiate l’italiano, per dio!

Qual è la ragione per cui giornali e opinione pubblica resistono al femminile delle professioni?

15 novembre 2020

Brescia, il Tribunale dice sì: Luisa ha due mamme, nonostante la Cassazione

Il Tribunale di Brescia ha detto sì: la piccola Luisa (nome di fantasia) ha due…

14 novembre 2020