Categorie: CoolOnda Pride

Anche The Walking Dead celebra l’Onda Pride

Una bandiera rainbow, simbolo dell’orgoglio lgbti, quella che Jesus, uno dei protagonisti del fumetto cult “The walking dead” utilizza per eliminare uno zombie.
L’immagine, disegnata da Sina Grace e colorata da Tamra Bonvillain, è la copertina dell’edizione special variant del numero 59 di The walking dead, in uscita in Italia assieme alla versione regular il prossimo 13 giugno.

Celebrando l’Onda Pride

A dare l’annuncio l’editore saldaPress che, in accordo con Skybound – l’etichetta di Robert Kirkman all’interno di Image Comics -,­ ha deciso di realizzare questa edizione speciale per celebrare, in occasione dell’Onda Pride 2019, la comunità LGBTI+ e i progressi ottenuti in anni di battaglie, combattute pacificamente con lo scopo di promuovere i valori di inclusività e supporto per tutti e tutte. Non solo: il ricavato della vendita degli albi – 2000 copie numerate il cui prezzo di copertina è di 5 euro – andrà a sostegno del progetto Schoolmates, voluto e sviluppato da Arcigay.

I ricavati alla lotta contro l’omotransfobia

Il progetto si occupa di collaborare con scuole e enti locali nella creazione di laboratori e percorsi di formazione sui temi del contrasto al bullismo, della destrutturazione degli stereotipi di genere e della conoscenza dell’identità sessuale (maggiori informazioni su questo e altri progetti di Arcigay sono disponibili sul sito). Il soggetto scelto per questa copertina, d’altronde, ha molto a che fare con questi temi: Jesus infatti è uno dei rari personaggi dei fumetti dichiaratamente omosessuale, che nella serie ha un compagno e conduce una vita tranquilla all’interno della comunità guidata da Rick Grimes.

“A contatto con giovani e giovanissimi”

“Siamo molto grati a saldaPress per questa iniziativa – commenta Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay – che porta la battaglia per i diritti e contro le discriminazioni a contatto con un pubblico di giovani e giovanissimi, favorendo da un lato l’empowerment di chi in quell’età sta maturando il proprio coming out, e garantendo, dall’altro lato, un ambiente favorevole e accogliente alla socializzazione dell’orientamento sessuale. L’azione avrà inoltre una ricaduta concreta perché fornirà sostegno ai nostri progetti di contrasto al bullismo omotransfobico, fenomeno dilagante che ancora non riceve risposte strutturate e efficaci”.

Il numero disponibile ai Pride

Il numero speciale di The walking dead sarà disponibile al Torino Pride e al Vicenza Pride (15 giugno), al Lazio Pride di frosinone (22 giugno), al Milano Pride e al Bari Pride (29 giugno) e al Toscana Pride di Pisa (7 luglio). Inoltre, sarà possibile trovare gli albi dal 13 giugno al Gay Center di Roma (via Nicola Zabaglia 14) e al Cassero LGBT Center di Bologna (via don Minzoni 18), negli orari di apertura. Saranno infine attivi i canali di vendita standard, cioè tutte le fumetterie e lo shop online del sito SaldaPress

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

L’appello disperato di Camilla, vittima di lesbofobia: “Possiamo fare qualcosa? Lo Stato non mi aiuta”

Si chiama Camilla Cannoni, a giudicare dalle foto che pubblica sui suoi social, è un'operatrice…

28 ottobre 2020

Legge Zan: Costa presenta di nuovo l’emendamento che fece infuriare la comunità LGBT+

La legge Zan torna questa mattina alla Camera dei Deputati. La discussione per l'approvazione del…

28 ottobre 2020

Legge Zan, Camera: respinte le pregiudiziali di costituzionalità

Superato uno dei primi scogli alla Camera. Prosegue il dibattito sulla legge Zan.

27 ottobre 2020

Legge Zan, domani si torna in aula: la maggioranza presenta 7 emendamenti

La maggioranza presenterà sette emendamenti alla legge Zan che ritorna in aula domani pomeriggio. "I…

26 ottobre 2020

Paura di volare: il libro che fa la storia della prima ondata femminista

Tornano i nostri "libri di fuoco", quei libri che ti toccano l'anima scaldandoli come una…

24 ottobre 2020

Bergoglio: “Sì alle unioni civili, gli omosessuali hanno diritto a essere famiglia”

«Le persone omosessuali hanno il diritto di essere in una famiglia» così papa Francesco.

21 ottobre 2020