Categorie: FotoNews

#LicenziatePureMe: i vigili del fuoco ci mettono la faccia

Costantino Saporito non è solo. I colleghi si schierano contro il provvedimento disciplinare nei confronti del vigile del fuoco mettendoci la faccia nella protesta social #LicenziatePureMe.
Tutto ebbe inizio con la parata del Roma Pride dello scorso 10 luglio. Saporito prese parte alla manifestazione in compagnia di altri colleghi appartenenti all’USB (Unione Sindacale di Base). Circa quaranta persone in divisa hanno sfilato dietro allo striscione del sindacato ma solo una persona è stata chiamata a rispondere per l’uso non autorizzato della divisa. Per la sua partecipazione al Roma Pride, ora Costantino Saporito rischia il licenziamento. Nessun rimpianto: “Questa è una battaglia di avanguardia vera – rivendica il lavoratore – non ci possono essere diritti dei lavoratori se non ci sono i diritti delle persone. Per questo abbiamo partecipato e parteciperemo anche il prossimo anno”. Il pompiere paura non ne ha.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020

Stonewall 50… in Poi: torna il festival Lgbt+ a Palazzolo Acreide

Torna il festival arcobaleno degli Iblei, l'11 agosto a Palazzolo Acreide in provincia di Siracusa.

31 luglio 2020

Guardami, nasce la campagna social per raccontare la comunità T

Dai moti di Stonewall a oggi ci hanno sempre mess* da parte, hanno sempre scelto…

31 luglio 2020

Quel dolore impigliato tra le pieghe del cuore: lettera a una madre

«Tante cose che prima non capivo, le ho capite soltanto diventando genitore anch'io».

31 luglio 2020