News

Licenziata dopo l’unione civile: il tribunale impone il reintegro e il risarcimento

Si era unita civilmente proprio due mesi prima quando Elisa (nome di fantasia), 40 anni, è stata licenziata dal lavoro di barista che svolgeva da dieci anni nello stesso locale. Nonostante nella lettera ci fosse scritto che il licenziamento era dovuto alla crisi economica ed al calo degli incassi, lei non ha mai avuto dubbi. Per Elisa il suo datore di lavoro l’aveva cacciata per via dell’unione civile che aveva suscitato un certo clamore. Era ottobre del 2016, la legge sulle unioni civili era entrata in vigore da pochi mesi e le prime cerimonie facevano notizia.

Il ricorso in tribunale

Così la donna ha impugnato il licenziamento, con il sostegno dell’avvocato Francesco Gobbi, e si è rivolta al tribunale. E lo scorso 7 marzo è arrivata la sentenza: Elisa ha ragione, il licenziamento è illegittimo. La giudice Tania de Antoniis ha disposto non solo il reintegro nel bar da cui era stata licenziata, ma ha condannato il datore di lavoro a risarcire Elisa degli stipendi non percepiti per tutto l’anno in cui non ha lavorato.

Le motivazioni della sentenza

Nella sentenza, in realtà, secondo quanto riporta la stampa locale, non si fa cenno all’orientamento sessuale della donna. La motivazione della condanna è scritta nella legge Fornero: non si può licenziare un dipendente nell’anno successivo al matrimonio, circostanza estesa ad una unione civile dopo l’approvazione della legge Cirinnà. Elisa, dunque, tornerà a lavorare e sarà risarcita del danno subito.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

No alle mascherine rosa? Ma se è un colore per maschi!

La recente polemica sulle mascherine rosa, che sarebbero "indecorose" per la polizia, ha suscitato non…

15 Gennaio 2022

Sindaco Gualtieri, che fine ha fatto l’ufficio lgbtqia+ di Roma?

Lo aveva promesso in campagna elettorale, Gualtieri, incontrando le associazioni lgbtqia+: Roma, con lui sindaco,…

15 Gennaio 2022

Polonia, camera bassa approva legge anti-Lgbt per le scuole

Una legge che limita la libertà di insegnamento: in Polonia si rischia di non poter…

14 Gennaio 2022

“Ricchione di merda”: l’orribile messaggio su Instagram a un ragazzo di 18 anni

Succede che una mattina apri Instagram, come sempre, e ti trovi un messaggio: “Sei un…

14 Gennaio 2022

Cosa è rimasto, dopo 24 anni, del sacrificio di Alfredo Ormando?

Alfredo Ormando è un nome che riecheggia dentro il movimento Lgbt+, soprattutto tra militanti di…

13 Gennaio 2022

Drusilla Foer condurrà Sanremo 2022: un salto di qualità per il Festival

Ci sarà lei, Drusilla Foer, tra le cinque professioniste che accompagneranno Amadeus per la nuova…

12 Gennaio 2022