Categorie: News

Bologna ritorno al 1931. Multato un locale per la presenza di “due travestite”

“Due persone travestite tipo drag queen” è contestazione (e sanzione pecuniaria non bene specificata) è quanto notificato dalla polizia municipale del Comune di Bologna ai gestori dell’OFF.

Tipo drag queen

“Martedì, a distanza di circa 2 mesi e mezzo, ci è stato notificato dalla polizia municipale del Comune di Bologna un verbale nel quale non ci vengono contestati i classici ‘disturbo della quieta pubblica’, assembramento di persone o similari. La contestazione (e sanzione pecuniaria non bene specificata) fa riferimento alla esibizione pubblica di due persone travestite tipo ‘drag queen’“. E’ quanto sostengono i gestori del locale ‘Off’ di Bologna, che questa mattina hanno segnalato l’episodio su Facebook definendolo come un “fatto di particolare gravità”.

Uno scherzo

Una contestazione che sembrava uno scherzo come affermano gli stessi gestori del locale: “abbiamo pensato ad uno scherzo poi rileggendo con attenzione il verbale, abbiamo capito che, come in altre occasioni, questo è stato compilato e redatto ad opera d’arte”, si legge ancora sulla pagina del social network dedicata al locale, che in 2 anni e mezzo ha organizzato oltre 250 eventi, che spaziano dalla promozione di nuovi musicisti alle mostre.

“Intimidire uno spazio culturale”

Secondo ‘Off’ il verbale è stato fatto probabilmente “con una dose di superficialità sull’argomento trattato, ma sicuramente pensato con lo scopo di multare e intimidire uno spazio che ha fatto della cultura, della socialità e dell’interscambio tra le persone il proprio valore, la propria proposta“.

Ritorno al 1931

Alla luce delle “tantissime attività, eventi e programmazioni che lo spazio Off propone”, i gestori del locale si chiedono quindi perché “sanzionarci proprio su una specifica programmazione e in specifico su ‘due persone travestite’ che si esibivano, citando un decreto regio del 1931 che, guarda caso, pone l’attenzione sul ‘decoro’ e ‘buon costume’?”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Oltre 50 arresti e pestaggi della polizia contro la comunità lgbt+ in Polonia

>"Le istituzioni internazionali intervengano immediatamente per proteggere i cittadini". E' l'appello disperato di Ilga Europe…

8 agosto 2020

Non serve il ricovero per la pillola abortiva: Tesei smentita dal ministero

Il ministero della Salute fa, finalmente, chiarezza sul ricorso alla Ru486, la cosiddetta pillola abortiva:…

8 agosto 2020

Omofobia al ristorante: si lamentano del servizio, proprietario li insulta

Tre clienti si lamentano per il servizio al ristorante, ma il proprietario li insulta con…

6 agosto 2020

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020