Categorie: CoolNews

Lesbicx #2 arriva a Torino. Paola Guazzo: «Portiamo noi stesse»

Dopo la prima edizione bolognese dello scorso febbraio, Lesbicx replica a Torino: dal sei all’otto dicembre, infatti, diverse soggettività lesbiche si sono date appuntamento per parlare, appunto, di lesbiche. E per farlo a 360 gradi, lasciando fuori dalla porta distinzioni tra lesbiche di serie a e lesbiche di serie b che alcune associazioni nazionali radfem stanno portando avanti da diversi anni.
Una due giorni per parlare di lesbiche senza pregiudizi che ci siamo fatti raccontare direttamente da una delle sue organizzatrici, Paola Guazzo.

DINAMICHE APERTE: PORTIAMO NOI STESSE

«I gangli tematici di Lesbicx sono tanti e molto articolati. Conta anche la dinamica aperta e non associazionistica con cui abbiamo cominciato a muoverci. Non c’è una “bandiera” Lesbicx, portiamo innanzitutto noi stesse. Il modo con cui abbiamo agito parte da un dialogo costante in rete e nei luoghi concreti, al di là delle appartenenze più o meno forti di ognuna al reticolo associazionistico lgbt o femminista o transfemminista. Non intendiamo cambiare modalità perché questo fare insieme è anche un nostro approccio ai temi e ai problemi», racconta Paola Guazzo.

UNA X PER INCLUSIONE

Lesbicx ha deciso di utilizzare la desinenza “x” al posto delle tradizionali desinenze maschili, femminili o neutre. Una scelta, questa, iniziata con la prima edizione e che oltre a esserne divenuta simbolo, Paola Guazzo rivendica: «X è incrocio, ma soprattutto segno di un percorso. Di questo siamo coscienti e responsabili, sia nei termini di un costante approfondimento e studio, sia in termini di pratica politica quotidiana. La pratica delle nostre relazioni e del nostro fare insieme può risentire inevitabilmente di dinamiche interpersonali intossicanti e di giochi di potere che non sempre favoriscono prospettive luminose per un processo di soggettivazione politica Lesbicx. Ci conforta il fatto di avere fra noi qualche lesbica saggia, nonché una certa predisposizione testarda alla ricomposizione della X. In questo si parerà la nostra nobiltà: sovvertire, per quanto possibile e oltre, le miserie alle quali una certa politica lesbica mainstream ci ha purtroppo fatto assuefatte per anni».

CROWDFUNDING E UN PERCORSO PER CONOSCERE LA STORIA LESBICA

Su una cosa Paola Guazzo è certa: «Pensiamo che una buona politica lesbica futura possa cominciare dal fare insieme in rete. Un crowdfunding e una playlist su YouTube creano aggregazione e senso di comunità ben più di mille dissertazioni ex cathedra sul sesso degli angeli o sulle radfem».

Se la X è un incrocio allora Lesbicx significa «Incrociarsi e partecipare è potenza viva del divenire. Noi crediamo nella costruzione progressiva di un nuovo lesbismo dove la fiducia reciproca e, oseremmo dire, l’amore non siano lettera morta o di comodo ma si costruiscano ogni giorno senza dispersioni o insensati e deprimenti verticismi. Crediamo sia il tempo in cui chi si è allontanata torni a far politica lesbica e ad essere protagonista del proprio desiderio. Crediamo sia il tempo che chi non ha conosciuto la nostra storia cominci ad apprenderla senza traumi autoritari, ma con rispetto e ascolto intergenerazionale reciproco».

«Non esiste sapere senza storia, non può esistere sapere senza trasmissione», conclude Guazzo.

Qui il programma completo

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Panchine arcobaleno vandalizzate a Roma: “Il tricolore usato come simbolo di vendetta”

Il tricolore usato per un atto vandalico. E contro la comunità Lgbt+ romana. La condanna…

28 novembre 2020

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020

Decreto sicurezza: mai più migranti lgbt+ respinti se arrivano da paesi omofobi

I migranti che nel loro paese rischiano persecuzioni per via del loro orientamento sessuale o…

18 novembre 2020

“Rettore donna” è solo Donatella. E studiate l’italiano, per dio!

Qual è la ragione per cui giornali e opinione pubblica resistono al femminile delle professioni?

15 novembre 2020