Legge regionale contro l’omo-transfobia in Puglia, la protesta sui social

Ore cruciali per la legge regionale pugliese contro l’omo-transfobia. Il ddl 253/2017 è stato approvato a novembre dalla giunta regionale e dovrà passare l’iter nelle commissioni consiliari. Tuttavia, come sempre accade, la politica si è mossa tra mille se e tra molti distinguo, cercando di azzoppare in tutti i modi il provvedimento, ora per cause tecniche, ora per questioni di rilevanza etica e politica.

Nel mirino l’educazione sessuale e alle differenze

Una partecipante all’iniziativa

Ad essere preso di mira è, soprattutto, l’articolo che mira alla costruzione di percorsi di educazione alle differenze e di educazione sessuale nelle scuole. L’ufficio legislativo ha redatto, infatti, un parere critico che pone in conflitto quanto previsto dalla legge, i poteri della regione e l’autonomia scolastica. Questo parere, ancora, è stato il grimaldello a cui si sono appigliati diversi esponenti regionali per fare ostruzionismo e per evitare che la legge vada in porto. Per difendere il provvedimento, è stata quindi organizzata un’iniziativa da parte delle associazioni pugliesi, Lgbt e non, e dalle associazioni studentesche.

Parte l’iniziativa #laleggechevorrei

«Invitiamo tutte e tutti a manifestare il proprio sostegno al ddl» si legge nella pagina Facebook Adotta un articolo della Legge pugliese contro l’omobitransfobia, che invita ad adottare un articolo «tra quelli proposti» nel disegno e spiegando «il motivo su un cartello» con l’hashtag #laleggechevorrei. Quanti e quante sono interessati a questa iniziativa, dovranno poi inviare una foto con la parte del testo che si è scelto di adottare. «Perché l’approvazione di questa legge» si legge ancora «è un atto per tutte e tutti, per tutelare chi è discriminat*, chi subisce violenze, per affermare liberamente la propria identità di genere, per promuovere un’educazione sessuale consapevole e alle differenze».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Omocausto: la vita di Pierre Seel, deportato gay, nel film di Giovanni Coda

Il film di Giovanni Coda gratuitamente in streaming fino a mezzanotte del 27 gennaio 2021.

27 gennaio 2021

27 gennaio, cosa intendiamo esattamente per memoria? Ce lo spiega il video di Frame

Per stimolare una riflessione su un concetto fondamentale della nostra storia umana, collettiva e personale.

27 gennaio 2021

L’Estonia ha la sua prima donna premier: è Kaja Kallas, avvocata ed europeista

L'Estonia diventa il primo paese al mondo ad essere governato da un tandem tutto al…

26 gennaio 2021

Biden revoca il ban contro le persone transgender nell’esercito degli USA

«Un esercito più inclusivo renderà ancora più forte il nostro Paese» ha dichiarato il neopresidente.

26 gennaio 2021

Stepchild adoption per una coppia di mamme separate: è la prima volta

Entrambe mamme dei loro gemelli, anche se non sono mai state unite civilmente e, soprattutto,…

23 gennaio 2021

Multietnica, 12 donne su 25 e Lgbt-friendly: ecco la squadra di governo di Joe Biden

Un segretario gay, una ministra nativa americana e il 50% dei componenti sono non bianchi.

22 gennaio 2021