Categorie: News

Persi milioni di euro e ridicolizzata dall’Europa: il destino Krasnik, città libera dall’ideologia Lgbt

Si era dichiarata libera dall’ideologia Lgbt, la città di Krasnik, nel sud est della Polonia. Le conseguenze non si sono fatte attendere. E il provvedimento che mirava a difendere le famiglie polacche, nonché cristiane, dal “pericolo arcobaleno” si è rivelato un vero e proprio boomerang per la cittadinanza. Con gravissime ripercussioni per l’economia e per l’immagine della città stessa.

Le reazioni della comunità internazionale

Secondo quanto riporta Il Post, «già a febbraio del 2020 il sindaco della città francese Nogent-sur-Oise aveva deciso di interrompere la cooperazione con Krasnik per scambi culturali fra studenti». E non solo: «a settembre la ministra degli Esteri norvegese, Ine Eriksen Soreide, aveva annunciato che il suo paese avrebbe tolto alcuni fondi a Krasnik e alle altre città che avevano fatto dichiarazioni simili: si trattava dei fondi EEA, cioè dei contributi versati annualmente da Norvegia, Islanda e Lichtenstein per ridurre le disparità sociali ed economiche all’interno dello Spazio Economico Europeo, di cui la Polonia è tra i principali beneficiari».

Milioni di euro perduti, a discapito delle generazioni più giovani

Krasnik, veduta aerea

La stima è pesantissima: dai 3 ai 10 milioni di euro in meno, che avrebbero aiutato le giovani generazioni della città e che avrebbero permesso l’acquisto di autobus elettrici. Il sindaco di Krasnik si dice adesso pentito, ma non riesce a ritirare la dichiarazione, per quanto simbolica secondo le sue dichiarazioni, per l’opposizione dei partiti di destra e della parte della popolazione, più retriva e anziana. A discapito, appunto, delle giovani generazioni che invece si erano dette contrarie al provvedimento. Krasnik è adesso ritenuta una città simbolo dell’omofobia, con una pessima pubblicità di fronte al mondo intero.

Krasnik, città simbolo dell’omofobia

A pesare, ancora, le recenti dichiarazioni di Ursula von der Leyen, che ha detto: «Le zone libere dall’ideologia Lgbt+ sono zone senza umanità. E non c’è spazio per loro nella nostra Unione Europea». Recentemente il parlamento europeo ha anche approvato una risoluzione in cui condanna tali “zone libere”, come quelle che troviamo in Polonia e anche in Ungheria. L’omofobia, insomma, ha un costo. E non difende affatto le famiglie, cristiane men che mai. Semmai, le rende più povere. E le ridicolizza agli occhi del mondo intero.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

17 maggio: gratis on line “Bullied To Death”, il film contro l’odio di Giovanni Coda

Visibile, in streaming, sulla piattaforma Streeen, il film di Giovanni Coda per il 17 maggio.

16 maggio 2021

Ddl Zan: sul palco di Roma le Karma B, Luxuria e le istanze delle comunità

Ci saranno le Karma B, sul palco di Piazza del Popolo, a Roma, oggi a…

15 maggio 2021

Lesbofobia, insulti a 18enne di Bari: “Fate schifo, tutti nelle camere bruciati!”

"La decisione di denunciare deriva dalla necessità di far sentire meno soli tutti colore che…

15 maggio 2021

“Le parole che uccidono”: il monologo di Stefano Massini per il ddl Zan

"Le parole che uccidono". Così si intitola il monologo che Stefano Massini ha portato ieri…

14 maggio 2021

Ddl Zan, è tempo della responsabilità: in piazza per una società migliore

Riceviamo e volentieri pubblichiamo l'appello di Marilena Grassadonia* per le piazze di questo fine settimana…

14 maggio 2021

26 giugno: torna il Roma Pride, dopo l’assenza dello scorso anno

Torna il Roma Pride. Dopo il fermo dovuto alla pandemia, nel 2020, il 26 giugno…

13 maggio 2021