Categorie: RainbowVideo

Giornata contro l’omotransfobia: i cori arcobaleno tornano a cantare assieme

È la vigilia della giornata internazionale contro l’omotrasfobia e Cromatica – Associazione Nazionale Cori Arcobaleno ha scelto di celebrare questa ricorrenza realizzando un grande coro virtuale cantando Bella ciao.

L’invito -spiegano gli organizzatori- è quello di stare dalla parte giusta della storia, contro ogni discriminazione, anche in un periodo di incertezza come quello attuale. Per questo si è scelto di cantare questo brano, simbolo della Resistenza e dell’antifascismo.

Ad intonare Bella ciao sono 200 coriste e coristi che, non potendo evidentemente riunirsi, hanno registrato in solitaria le proprie voci che sono state poi che sono state poi miscelate in questo video.

Al progetto hanno partecipato i 13 cori arcobaleno italiani di Cromatica: Stranivari – Terni, Roma Rainbow Choir e Parruccoro – Roma, RicchiToni – Bari, Qoro, il coro con la Q – Torino, Omphalos Voices – Perugia, Komos, coro LGBT di Bologna, Checcoro, Diversa Vox e The Good News Female Gospel Choir – Milano, Fuori dal Coro – Bergamo, Choreos – Firenze, Canone inverso – Padova. All’iniziativa hanno poi contributo coriste e coristi di altri cori arcobaleno dall’estero: London Gay Men’s Chorus e Pink Singers da Londra, Les Genevoix da Ginevra, Sing Out Brussels da Bruxelles, Tone Cluser – quite a queer choir da Ottawa e Doremix da Bari, e Sing! Men’s Chorus da Singapore.

Omotransfobia, la situazione in Italia

Nell’ultimo rapporto Rainbow Map del 2020 redatto da ILGA Europe l’Italia si colloca al 35° posto su 49 diventando l’ultimo dei grandi paesi occidentali in fatto di provvedimenti e politiche a tutela dalle discriminazioni verso la comunità LGBT+.

Oggi più che mai, – afferma Vincenzo Vincenzi (Associazione Cromatica) – “è necessario che la politica e le istituzioni del nostro paese prendano una posizione contro omofobia, lesbofobia, bifobia, transfobia e intersessuofobia e attuino finalmente provvedimenti efficaci e politiche concrete contro ogni discriminazione verso la comunità LGBT+”.

“Il distanziamento sociale che stiamo vivendo a causa della pandemia da Covid 19 non farà venire meno le rivendicazioni della comunità LGBT+ , conclude Vincenzi – continuiamo a dare voce alle nostre istanze, a veicolare un messaggio di resistenza e liberazione e ad affermare i nostri diritti, primo tra tutti quello di esistere ed essere visibili”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020