News

«I gay devono rimanere single e illibati»: si dimette cappellano scolastico

Il cappellano di una scuola d’eccellenza inglese, di impronta metodista, si è dimesso dopo aver affermato che le persone omosessuali dovrebbero rimanere «single e illibate».

LA STORIA

Il reverendo David Hull, cappellano della chiesa scolastica di Kingswood a Bath dal 2015, avrebbe creato tensioni dichiarando la sua opposizione al matrimonio tra persone dello stesso sesso. Il commento offensivo di Hull è arrivato alla conferenza metodista di luglio, dove la chiesa aveva largamente votato a favore del matrimonio egalitario. Ma ad Hull non andava bene e al gruppo di news cristiane Premier ha detto: «Come metodisti è nostra convinzione che il significato della buona novella sia che Dio, nella creazione, voglia due cose: o sei sposato, per sempre, con un uomo o con una donna, oppure devi restare single e celibe, come era Gesù».

LA DIFESA DEL CAPPELLANO

La Kingswood School

La visione di Hull non è stata condivisa dalla scuola che si è dichiarata «comunità accogliente e inclusiva e che promuove fiducia, apertura mentale e tolleranza». Quattro mesi dopo, i commenti conseguenti all’uscita di Hull hanno portato alle sue dimissioni. In una lettera indirizzata agli insegnanti, ai genitori e agli altri membri della comunità scolastica Hull ha scritto: «Fin dall’estate i commenti che ho fatto in un dibattito interno alla chiesa metodista sono circolati tra gli studenti, tra lo staff e tra i genitori. Questo ha portato a tensioni che non servono a niente nella comunità scolastica».

LE CONSEGUENZE

Sempre per Hull, «non ci sono stati segnali, da parte della scuola o della chiesa, sul fatto che io abbia sbagliato a fare quei commenti. La visione che ho espresso è stata riconosciuta come in linea della corrente posizione della chiesa e continuerà a essere affermata. Ciononostante la situazione ha bisogno di essere risolta. Quindi ho richiesto alla chiesa una risoluzione immediata della mia posizione come cappellano della scuola: mi è stata garantita subito». Il preside, Simon Morris, gli ha augurato ogni bene.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

A fuoco il locale che ospita il “BeQueer”, storica serata LGBT+ umbra

Nella notte tra il 22 e il 23 dicembre un incendio ha distrutto una parte…

23 Dicembre 2022

I 5 libri da regalare a Natale 2022

Siete a corto di idee per questo Natale 2022? Niente paura, come ogni anno Gaypost.it…

22 Dicembre 2022

Lettera di Famiglie Arcobaleno alla ministra Roccella: “Non è la lotteria del DNA che ci fa genitori”

Sta facendo molto discutere una recente affermazione della ministra della Famiglia Eugenia Roccella a proposito…

19 Dicembre 2022

Associazioni e attivistз trans*: “Il ministro Valditara tuteli la carriera alias”

Nei giorni scorsi si è consumato l'ennesimo attacco alla comunità trans+. Questa volta, a mettere…

15 Dicembre 2022

Ci siamo, il centro di accoglienza a Cagliari per le persone Lgbt+ vittime di discriminazione

Presentato giovedì scorso, in occasione del ventennale dalla nascita di Arc Cagliari, tra le più…

3 Dicembre 2022

1 dicembre, Giornata di lotta all’Aids: i dati dell’ultimo anno in Italia

In occasione della Giornata di lotta all'Aids, l'Istituto Superiore di Sanità ha rilasciato i dati…

1 Dicembre 2022