Categorie: News

Vendeva mojito al Pride di Modena: denunciata. Le ritirano il reddito di cittadinanza.

Vendeva alcolici senza licenza durante il Pride di Modena e le hanno revocano il reddito di cittadinanza. Protagonista della vicenda una 39enne bergamasca, ma residente a Pistoia.

AL PRIDE UN MOJITO SALATO

La donna si era presentata al Pride modenese con un carrello della spesa adibito a bancone del bar dal quale la barlady improvvisata pestava mojito e lo rivendeva alla gente. Un’attività che il primo giugno, data del Pride, le aveva fruttato 400 euro, ma che non è passata inosservata. Secondo quanto riporta l’agenzia Dire, la polizia locale, oltre a sanzionarla sul momento per oltre cinquemila euro per somministrazione di alcolici su suolo pubblico senza autorizzazione, le ha sequestrato le bottiglie di rum e ha avviato ulteriori controlli.

IL RITIRO DEL REDDITO DI CITTADINANZA

I controlli hanno coinvolto anche Inps e Agenzia delle entrate. Dagli accertamenti incrociati è venuto fuori che la donna era beneficiaria del reddito di cittadinanza già da aprile e che nello stesso periodo durante il quale ne usufruiva aveva attivato una partita iva per attività di spettacolo. Dopo la scoperta la donna è stata deferita all’autorità giudiziaria e l’Inps le ha già revocato il reddito di cittadinanza. La donna dovrà restituire i circa 3mila euro percepiti fino ad adesso. La Polizia locale di Modena, dopo averla rintracciata in un paesino del bolognese, l’ha denunciata per truffa ai danni dello Stato.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020

Decreto rilancio: 4 milioni per le vittime di omobitransfobia

Il cosiddetto "Decreto rilancio" prevede fondi per le vittime di discriminazioni fondate sull'orientamento sessuale e…

5 luglio 2020