News

Due mamme e due gemelli: Castel Maggiore riconosce una famiglia arcobaleno

Due gemellini di Castel Maggiore (Bologna) ora hanno entrambe le loro mamme anche per lo stato. E’ il frutto della scelta della sindaca Belinda Gottardi.

Due mamme riconosciute

I bimbi, nati grazie alla fecondazione eterologa a cui la loro mamma biologica si era sottoposta all’estero, hanno un anno e mezzo. Finora, però, per lo Stato italiano avevano una sola mamma: quella, appunto, che li ha partoriti. Ma c’è anche la seconda: la compagna della gestante che è a tutti gli effetti l’altra mamma.
Una situazione simile a tante altre che, però, non aveva ancora l’ufficialità. Da oggi, invece, all’anagrafe di Castel Maggiore i piccoli risultano figli di entrambe le donne, com’è di fatto.

“Vanno considerati per quello che sono: una famiglia”

“Le due mamme sono venute in Comune e mi hanno illustrato la situazione – ha spiegato Belinda Gottardi a Gaypost.it -. Trattandosi di una famiglia, anche se la legge non contempla la loro specificità, mi è sembrato normale da parte mia fare quanto nelle mie possibilità per dare loro il riconoscimento giuridico che meritano. Nei limiti di quello che in questo momento la legge permette di fare, ho fatto in modo di garantire i bambini e le mamme, trattandoli come la famiglia che sono”.

“Il Parlamento colmi il vuoto”

“E’ anche uno stimolo per il Parlamento – conclude la sindaca -. Anche se in questo periodo i diritti non sembrano avere particolare attenzione, mi auguro che come sindaci possiamo essere ascoltati e dare una spinta dal basso perché anche il legislatore faccia i passi necessari”.
Soddisfatto anche l’avvocato Michele Giarratano, che ha seguito la coppia di mamme. “Una decisione che va nella direzione della primavera dei diritti – commenta il legale -. Sulla scia di altri sindaci che si sono mossi nella stessa direzione, la prima cittadina di Castel Maggiore ha deciso di annotare il nome della mamma non biologica dei piccoli sull’atto di nascita”. “E’ un bene che i sindaci abbiano a cuore i diritti dei bambini Arcobaleno – conclude – e si spendano in prima persona per colmare un vuoto legislativo sul quale speriamo che il Parlamento intervenga presto”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Tdor 2022, le iniziative nelle principali città italiane

Torna come ogni anno il Tdor, il giorno che commemora le vittime di transfobia e…

18 Novembre 2022

Carte d’identità, Palazzo Chigi: “Evidenti problemi di esecuzione dell’ordinanza di Roma”

Secondo il governo guidato da Giorgia Meloni, l'ordinanza del Tribunale di Roma sulle carte di…

16 Novembre 2022

Roma: illegittimo il decreto di Salvini che impone “padre” e “madre” sulle carte d’identità

Ricordate la crociata di Salvini contro la dicitura "genitore" sulle carte di identità elettroniche? E…

16 Novembre 2022

Sono arrivate le Agender 2023: un anno di unità, forza e solidarietà

Abbiamo poche certezze. Ultimamente, addirittura, pochissime. Una di queste è l'ormai immancabile Agender di Gaypost.it…

10 Novembre 2022

Governo Meloni: prepariamoci alle barricate, nelle scuole e nelle piazze

C'è poco da dire sulla formazione del nuovo governo Meloni, di destra-destra – per non…

22 Ottobre 2022

Fontana presidente della Camera, Famiglie Arcobaleno: “In Europa gli omofobi uccidono”

Con 222 voti, la Camera dei Deputati ha appena eletto Lorenzo Fontana nuovo presidente. Leghista,…

14 Ottobre 2022