Cool

Disney pronta all’apertura: arriva il primo personaggio gay, LeTont

I cartoni animati Disney hanno contribuito in maniera fondamentale a costruire l’immaginario di generazioni di bambini. Se nei primi hanno soprattutto accompagnato le bambine ad aspettare il principe azzurro, sempre di più si sono poi fatti portavoce di una visione molto diversa e articolata. È il caso degli ultimi titoli: Disney ha dimostrato soprattutto alle bambine come non ci sia più bisogno di un principe per essere felici, perché le ragazze sono forti e coraggiose anche sole. Così nell’ultimo lungometraggio, “Moana” (“Oceania”, per l’Italia) e, forse ancora di più, “Frozen”.

Proprio la storia della regina di ghiaccio è stata ed è ancora protagonista di un dibattito riguardo ad un muro ancora da abbattere. I social hanno infatti visto moltiplicarsi l’hashtag #giveElsaaGirlfriend, “date una fidanzata a Elsa”: molti stanno chiedendo da anni, a Disney, di rappresentare, dopo donne emancipate e nere, anche un personaggio appartenente alla comunità LGBT. Sarà necessario attendere ancora per il sequel di Frozen, ma Disney sembra aver dato ascolto alla richiesta.

La bella, la Bestia e LeTont

Le cose sembrano essere cambiate a partire da un titolo storico del 1991, che già insegnava che l’estetica non è tutto. La storia dell’uomo trasformato in bestia è diventato un film live action, diretto da Bill Condon, in uscita il 16 marzo in Italia, il 17 nel resto del mondo. Belle sarà interpretata da Emma Watson, mentre l’arrogante Gaston sarà Luke Evans.
L’elemento di novità, però, è il personaggio di LeTont (LeFou nell’originale). Il goffo braccio destro di Gaston, interpretato da Josh Gad, è protagonista di uno dei pochi cambiamenti rispetto alla fedele trasposizione: sarà infatti coinvolto in una sottotrama che riguarda il suo orientamento sessuale.

Un personaggio gay arriva alla Disney

È il regista stesso a sintetizzare, nel corso di un’intervista concessa al magazine statunitense Attitude. “È qualcuno che un giorno vorrebbe essere Gaston – dice Condon -, il giorno dopo vorrebbe baciarlo. È confuso su ciò che vuole, ha appena realizzato di avere questi sentimenti. E Josh tira fuori qualcosa di davvero sottile e delizioso, ed è questo che porta a un risultato che non voglio svelare. Ma è un bel momento realmente gay in un film Disney”
Il presentatore Tv Chris Parente ha chiesto a Josh Gad, tramite Twitter, di confermare l’inclusione di questo passaggio, perché, scrive “significherebbe molto per me e per tutti i ragazzi gay”. L’attore ha risposto al tweet, dicendosi “profondamente orgoglioso”.
Una risposta che fa supporre una costruzione attenta, e non ammiccante, della vicenda di LeTont: non resta che attendere l’uscita.

L’omaggio a Howard Ashman

Nella scelta di descrivere come gay il personaggio di LeTont si può leggere una dedica ad Howard Ashman, che volle che “La bella e la bestia” fosse un musical. Fu lui a scrivere le canzoni del cartone oltre che di quelle di molti successi Disney, come “Aladdin” e “La Sirenetta”. Ashman era a sua volta gay, e morì due giorni dopo la prima del cartone animato, il 14 marzo del 1991, per complicazioni legate all’AIDS. Gli autori di “La Bella e la bestia” dedicarono il cartone animato: “al nostro amico Howard, che diede a una sirenetta la sua voce e a una bestia la sua anima”. Lo scrittore infatti vedeva nella Bestia una metafora dell’AIDS: in un’epoca nella quale essere malati di AIDS significava segregazione dalla società, era necessario qualcuno che sapesse andare oltre alla paura, rimanendo accanto alla “bestia”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

A fuoco il locale che ospita il “BeQueer”, storica serata LGBT+ umbra

Nella notte tra il 22 e il 23 dicembre un incendio ha distrutto una parte…

23 Dicembre 2022

I 5 libri da regalare a Natale 2022

Siete a corto di idee per questo Natale 2022? Niente paura, come ogni anno Gaypost.it…

22 Dicembre 2022

Lettera di Famiglie Arcobaleno alla ministra Roccella: “Non è la lotteria del DNA che ci fa genitori”

Sta facendo molto discutere una recente affermazione della ministra della Famiglia Eugenia Roccella a proposito…

19 Dicembre 2022

Associazioni e attivistз trans*: “Il ministro Valditara tuteli la carriera alias”

Nei giorni scorsi si è consumato l'ennesimo attacco alla comunità trans+. Questa volta, a mettere…

15 Dicembre 2022

Ci siamo, il centro di accoglienza a Cagliari per le persone Lgbt+ vittime di discriminazione

Presentato giovedì scorso, in occasione del ventennale dalla nascita di Arc Cagliari, tra le più…

3 Dicembre 2022

1 dicembre, Giornata di lotta all’Aids: i dati dell’ultimo anno in Italia

In occasione della Giornata di lotta all'Aids, l'Istituto Superiore di Sanità ha rilasciato i dati…

1 Dicembre 2022