Ddl Pillon, la Lega smentisce il M5s: “È nel contratto: non si torna indietro”

La questione sul ddl Pillon non è conclusa. Come aveva già spiegato Gaypost.it siamo solo all’intervallo. La riscossa arriva con le parole di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega, che all’Ansa smentisce le frasi del sottosegretario Spadafora. “Il M5s può pensare come vuole ma non si può certo archiviare quello che c’è scritto nel contratto di governo” spiega “sull’affido condiviso è molto chiaro, a partire dalla permanenza dei figli con tempi paritari tra i genitori. Il ddl Pillon, che è firmato anche dal M5s, rispecchia il contratto“.

Doveri contrattuali

Nel contratto di governo c’è chiaramente scritto che la “rivisitazione dell’affido condiviso” deve partire dal principio di “bigenitorialità”. Inoltre, aggiunge,  nel contratto si “parla espressamente di tempi paritari tra i genitori” e di rivisitazione “dell’assegno di sostentamento”.
Detto questo, precisa e assicura all’agenzia AGI il capogruppo del Carroccio, “come sempre siamo pronti e aperti al confronto e anche ad accogliere eventuali proposte migliorative” del testo del disegno di legge a prima firma del senatore leghista Pillon, “ma sia chiaro che il cuore del futuro testo base dovrà essere quello. Il ddl Pillon dovrà essere il cuore del testo, il punto di partenza”, perché “corrisponde a quanto c’è scritto nel contratto di governo e quindi il cuore del ddl non si tocca”.

Nessuna chiusura

Insomma, nessuna chiusura da parte della Lega a un confronto sul tema della riforma dell’affido condiviso, nemmeno con le opposizioni. “Ci sono diversi testi depositati in commissione Giustizia del Senato – ricorda il capogruppo leghista -, ma si parte dal testo Pillon. Nessuno si tira indietro sul confronto con tutti, ma il ddl Pillon è il testo della maggioranza, lo ha firmato anche il Movimento 5 stelle”. Sono cinque, infatti, le firme di parlamentari pentastellati in calce alla proposta del senatore leghista. “Siamo pronti – insiste Romeo – a possibili miglioramenti ma la filosofia di base che deve ispirare il testo definitivo deve avere come punto di partenza il ddl Pillon, il cuore deve essere quello”. “Tutto è migliorabile – conclude Romeo – ma non siamo disponibili a snaturare quanto c’è scritto nel ddl Pillon che corrisponde esattamente a quanto c’è scritto nel contratto di governo, a meno che qualcuno non voglia mettere in discussione il contratto di governo“.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020