News

Cuba, attivisti lgbt arrestati e Pride annullato all’Avana

La polizia di Cuba ha interrotto il Pride non autorizzato a L’Avana sabato: i manifestanti, un centinaio, hanno marciato per circa 400 metri lungo il Paseo del Prado prima di essere dispersi; ci sono stati scontri con gli agenti e tre attivisti sono stati arrestati.

La marcia contro l’omotransfobia

La mobilitazione era stata convocata per protestare contro la cancellazione della tradizionale conga, un ballo popolare organizzato ogni anno nella Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia (17 maggio) dal Centro nazionale per l’educazione sessuale (Cenesex). L’istituto, diretto da Mariela Castro, figlia di Raul, primo segretario del Partito comunista ed ex presidente del paese, ha annunciato questa settimana che l’evento, patrocinato dal ministero della Sanità, è stato annullato per decisione del dicastero, nell’ambito delle misure di austerità dovute alla situazione di crisi economica.

Il rinvio del matrimonio egualitario

Ad aprile l’Assemblea nazionale ha adottato la nuova Costituzione, frutto di un processo decennale di elaborazione, comprendente consultazioni pubbliche, la revisione della bozza da parte di una commissione guidata da Raul Castro e un referendum popolare. Il dibattito sulla riforma costituzionale, oltre che su quelli economici, si e’ concentrato anche su altri temi, tra i quali la questione del matrimonio tra persone dello stesso sesso. La deputata Mariela Castro è stata tra i promotori dell’inserimento di un articolo che riconoscesse il matrimonio tra due persone senza fare riferimento al sesso, articolo che alla fine non è stato incluso: la carta si limita a riconoscere il matrimonio come “istituzione sociale e giuridica”; l’argomento delle unioni tra coppie dello stesso sesso è stato, invece, rinviato al Codice di famiglia.

L’attacco al Pride di Mariela Castro

Proprio Mariela Castro, figlia dell’ex presidente Raul Castro, ha criticato il pride de L’Avana bollandolo come uno “show” organizzato da Miami, dove vivono molti esuli cubani oppositori del governo castrista. La manifestazione, ha scritto Mariela Castro su Facebook, “è stata sostenuta da funzionari dell’ambasciata Usa e coperta dalla stampa straniera”. I commenti della figlia dell’ex presidente e nipote del ‘lider maximo’ Fidel Castro, sono giunti dopo che il Cenesex aveva ritirato il patrocinio inizialmente accordato alla manifestazione, perché’ “controrivoluzionaria”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

A fuoco il locale che ospita il “BeQueer”, storica serata LGBT+ umbra

Nella notte tra il 22 e il 23 dicembre un incendio ha distrutto una parte…

23 Dicembre 2022

I 5 libri da regalare a Natale 2022

Siete a corto di idee per questo Natale 2022? Niente paura, come ogni anno Gaypost.it…

22 Dicembre 2022

Lettera di Famiglie Arcobaleno alla ministra Roccella: “Non è la lotteria del DNA che ci fa genitori”

Sta facendo molto discutere una recente affermazione della ministra della Famiglia Eugenia Roccella a proposito…

19 Dicembre 2022

Associazioni e attivistз trans*: “Il ministro Valditara tuteli la carriera alias”

Nei giorni scorsi si è consumato l'ennesimo attacco alla comunità trans+. Questa volta, a mettere…

15 Dicembre 2022

Ci siamo, il centro di accoglienza a Cagliari per le persone Lgbt+ vittime di discriminazione

Presentato giovedì scorso, in occasione del ventennale dalla nascita di Arc Cagliari, tra le più…

3 Dicembre 2022

1 dicembre, Giornata di lotta all’Aids: i dati dell’ultimo anno in Italia

In occasione della Giornata di lotta all'Aids, l'Istituto Superiore di Sanità ha rilasciato i dati…

1 Dicembre 2022