News

Il Cristo Lgbt di Massa fa licenziare due assessori leghisti

Il Cristo Lgbt, con indosso un paio di mutande leopardate di Dolce e Gabbana, ritratto da Giuseppe Veneziani continua a far discutere.
Il sindaco Francesco Persiani, che guida la coalizione di centrodestra, ha ‘licenziato’, ritirando le deleghe con effetto immediato due suoi assessori in quota lega responsabili di aver concesso il Palazzo Ducale di Massa alla mostra “Storytelling”.

Perdono le deleghe il vicesindaco Guido Mottini (che si occupava di turismo e polizia municipale) e l’assessore alla cultura Eleonora Lama. La delega di vicesindaco è stata affidata ad Andrea Cella, attuale segretario provinciale della Lega.

Offesa la comunità cattolica

“Ho dovuto far fronte a una paurosa gaffe per quel quadro che ha offeso la comunità cattolica locale e non solo”, spiega in una nota il sindaco. E aggiunge di aver dovuto prendere la decisione “nonostante i tentativi posti in essere dal sottoscritto, e non solo, di giungere ad un percorso bonario e condiviso di uscita dalla giunta”, per le “resistenze” poste in essere, “confortato sul fatto che il rapporto fiduciario fosse irrimediabilmente venuto meno“.

La petizione fallita

Il Cristo aveva già fatto discutere l’estrema destra e fondamentalisti cattolici che bollando il quadro come “blasfemo” avevano lanciato una petizione on line, indirizzata al sindaco di Massa, Francesco Persiani, con cui si chiedeva la “sospensione della mostra”. “È un’offesa a Cristo e a tutti i credenti, è blasfemia, è vilipendio alla religione e al sentimento di milioni di persone”. La petizione si rivelò sostanzialmente un flop.

L’arte non è fatta solo di tramonti

Quando hanno chiesto all’artista, Giuseppe Veneziano, se potrebbe essere un Cristo gay, ha risposto: “Perché no? Per me gli uomini e le donne sono tutti uguali e a me non importa che orientamento sessuale hanno. Mi aspetto critiche dalla Chiesa. Mentre dipingevo questo quadro, sapevo che avrei fatto irritare qualcuno. Ma l’arte non si può permettere di rappresentare solo tramonti o fiorellini”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

“Bruciamo tutto”: perché, da maschio, dico che il patriarcato è il problema

Vogliamo parlare di patriarcato? Parliamone.  A inizio anno, a gennaio inoltrato, sono stato invitato a…

23 Novembre 2023

La storia di Andrea, in riva al mare di Sicilia, per raccontare la realtà queer

Una storia che parla di libertà e scoperta di sé. È questa la "poetica" –…

26 Ottobre 2023

LottoxMile, la raccolta fondi per aiutare Milena Cannavacciuolo

«Siamo le amiche e la compagna di Milena. Questo è un appello d’amore per Milena.…

24 Ottobre 2023

Gianni Vattimo, addio al filosofo del “pensiero debole”

È morto ieri in tarda serata, a 87 anni, il filosofo Gianni Vattimo. Una delle…

20 Settembre 2023

Arim 2023, a parco Sempione a Milano la lotta all’HIV a suon di musica

Si terrà il 19 settembre 2023, a Milano, all'Arena Civica di Parco Sempione. Stiamo parlando…

18 Settembre 2023

Cosa significa far parte della comunità Lgbt+

In questi giorni ha fatto scalpore, su ciò che resta di Twitter, lo stato di…

16 Agosto 2023