Categorie: News

Costretti a scendere dal bus perché trans: è successo ad una giovane coppia a Piacenza

Jennifer e Sebastian volevano spostarsi, su un autobus di linea, da Perino a Piacenza, questa mattina. Saliti sull’autobus, Sebastian ha obliterato il biglietto. Jennifer non ha fatto in tempo prima che l’autista si alzasse per controllare i titoli di viaggio. Secondo il racconto dei ragazzi, entrambi transgender, Jennifer è stata bloccata dall’autista che le ha chiesto il biglietto, non ancora obliterato. A quel punto le ha chiesto i documenti. La ragazza ha preso l’abbonamento (scaduto, ragione per cui aveva fatto il biglietto) e glielo ha mostrato.

“Non sono i tuoi documenti”

Ma l’abbonamento riporta il nome anagrafico, ancora al maschile. Quindi l’autista avrebbe iniziato a sbandierarlo urlando che non era il suo. “La prego, per ragioni di privacy, abbassi la voce – ha detto Jennifer -: l’abbonamento è mio”. Per dimostrarglielo, ha preso la carta d’identità che riporta lo stesso nome dell’abbonamento. Non è bastato. L’uomo ha continuato a sostenere che non fossero i suoi documenti perché erano chiaramente di un uomo. “Mi prendete in giro” avrebbe detto l’autista, intimando ad entrambi di scendere dall’autobus.
Jennifer ha iniziato a piangere continuando a chiedere all’uomo di abbassare la voce, mentre un’altra passeggera ha dato man forte all’autista. “Muovetevi, scendete, andatevene” avrebbe incalzato la donna.

I carabinieri: “Siete trans, è normale”

A quel punto l’autista li ha fatti scendere ed ha chiamato i carabinieri. Gli uomini dell’Arma hanno identificato sia Jennifer che Sebastian. Poi hanno concluso che, essendo entrambi trans, era normale che succedessero cose del genere. Oltre all’umiliazione pubblica subita, Jennifer è stata colta da un attacco di panico e mentre scriviamo è al pronto soccorso di Piacenza.

I due ragazzi ora sono assistiti dall’avvocata Cathy La Torre e dal MIT che ha raccontato la loro storia su Facebook. Contattata da Gaypost.it, ha confermato tutto. “Entrambi sono stati sbattuti giù da un bus perché trans – scrive La Torre -. Se a voi questa pare la normalità: la normalità fa orrore. Il MIT agirà giudizialmente nei confronti dell’Azienda di Linea: non la passeranno liscia!“.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Annullato anche il Torino Pride: “Un flash mob e una campagna per comprare mascherine”

Prepariamoci, perché ormai è chiaro che a comunicazioni come questa, come quella del Roma Pride…

6 aprile 2020

Coronavirus: il Roma Pride rimandato (senza data)

Dopo l'Umbria, anche Roma ferma tutto. Ma non è uno stop completo: il Roma Pride…

5 aprile 2020

La Cassazione ha deciso: la mamma è solo quella che partorisce

Una sola mamma: quella che partorisce. Così si è appena pronunciata la Corte di Cassazione…

3 aprile 2020

Coronavirus: i pieni poteri di Orbán si abbattono sulle persone trans

Com'è noto, con un voto del parlamento, il premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto "pieni…

1 aprile 2020

“Siete gay, siete più esposti al covid-19, lasciate casa vostra”: coppia minacciata in Francia

Una storia assurda, denunciata su Facebook, che arriva direttamente dalla Francia.

1 aprile 2020

TDoV 2020, i corpi e la voci della visibilità transgender in Italia

Ecco le iniziative per celebrare il Transgender Day of Visibility in Italia.

31 marzo 2020