Categorie: News

Insulti omofobi al manager: condannato pastificio Giovanni Rana

Il pastificio Giovanni Rana dovrà risarcire un suo ex manager per «condotta vessatoria», causata dalle «ripetute offese sulla presunta omosessualità». Così ha deciso la sezione Lavoro della Cassazione, come riporta Sky Tg24,  sulla vicenda che ha coinvolto Gian Luca Rana, attuale amministratore delegato dell’azienda e figlio del più celebre Giovanni Rana, nonché – all’epoca dei fatti – anche rappresentante legale della famosa marca di pasta.

La vittima sistematicamente apostrofata col termine “finocchio”

Gian Luca Rana, insieme al padre Giovanni

Secondo quanto ricostruito, Gian Luca Rana ha «sistematicamente apostrofato col termine “finocchio”» un ex dipendente, che aveva poi portato in tribunale l’azienda. La Corte d’appello di Venezia aveva già condannato, in precedenza, l’azienda a pagare i danni al lavoratore. La vittima si era rivolto alla magistratura a causa dello stato di ansia e stress che aveva accumulato per il trattamento subito lamentando anche di essere oggetto di «pregiudizio alla vita di relazione, alla dignità e professionalità». La Rana aveva quindi fatto ricorso, che è stato però respinto dalla Cassazione.

Per il pastificio era solo uno scherzo

Per la società, tuttavia, si trattava solo di uno scherzo. La condotta, invece che vessatoria, era infatti «solo espressione di un clima scherzoso nell’ambiente di lavoro». Scherzo di cattivo gusto, che non ha nemmeno convinto la magistratura. La Corte di Cassazione ha infatti ricordato che il codice civile prevede «l’obbligo di tutela, nel contratto di lavoro, di interessi non patrimoniali presidiati da diritti inviolabili della persona, come appunto la salute e la personalità morale, con conseguente obbligo di risarcimento del danno non patrimoniale ove l’inadempimento datoriale abbia provocato la lesione dei medesimi». Un boccone decisamente amaro da mandar giù, ma meritato, per la nota azienda.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020