Categorie: News

Cecenia, scoperte altre quattro prigioni per i gay: salgono a sei quelle note

Nuovi dettagli emergono dal seguito dell’inchiesta di Novaya Gazeta su quanto sta accadendo in Cecenia contro gli uomini gay. Secondo il quotidiano indipendente russo, i centri in cui i gay vengono detenuti e torturati sarebbero in totale sei. I giornalisti, contro cui è stata lanciata una vera e propria fatwa, hanno infatti trovato prove dell’esistenza di altri quattro centri, oltre ai due noti finora di Argun e Tsotsi-Yurt.
Secondo quanto riferiscono da Novaya Gazeta, inoltre, ci sono testimonianze di uomini rilasciati dalle prigioni solo dopo che le loro famiglie hanno pagato delle tangenti alla polizia.

Detenuti molti più di 100 uomini

Secondo queste ultime rivelazioni, è lecito pensare che i cento uomini di cui si era parlato all’inizio siano in realtà molti di più. Le testimonianze raccolte dagli attivisti di Russian LGBT Network, infatti, riferiscono di celle in cui vengono detenuti dai trenta ai quaranta uomini insieme. Difficile dare cifre precise, ma se le prigioni note sono sei, cento arrestati è una stima che appare molto al ribasso.

Le minacce ai giornalisti

Nei giorni scorsi, i giornalisti di Novaya Gazeta avevano denunciato una campagna di odio e violenza scatenata contro di loro, identificati come “nemici della nostra fede e della nostra nazione”. La situazione è talmente pericolosa che, nonostante il quotidiano abbia deciso di andare avanti con l’inchiesta, alcuni redattori hanno deciso di lasciare Mosca per rifugiarsi in località segrete. Tra loro, anche Elena Milashina, tra i più impegnati nel lavoro sui campi di detenzione ceceni.

La purga voluta da Kadyrov

Inoltre, è di qualche giorno fa la notizia, confermata dal ministero degli Esteri inglese, secondo cui il leader ceceno Kadyrov avrebbe dichiarato ad una TV locale di volere eliminare tutti i gay prima dell’inizio del Ramadan, previsto per il prossimo 26 maggio. Dal canto loro, le autorità federali russe hanno dichiarato che le accuse sono del tutto infondate e di non avere trovato prove di persecuzioni ai danni di uomini omosessuali in Cecenia.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Oltre 50 arresti e pestaggi della polizia contro la comunità lgbt+ in Polonia

>"Le istituzioni internazionali intervengano immediatamente per proteggere i cittadini". E' l'appello disperato di Ilga Europe…

8 agosto 2020

Non serve il ricovero per la pillola abortiva: Tesei smentita dal ministero

Il ministero della Salute fa, finalmente, chiarezza sul ricorso alla Ru486, la cosiddetta pillola abortiva:…

8 agosto 2020

Omofobia al ristorante: si lamentano del servizio, proprietario li insulta

Tre clienti si lamentano per il servizio al ristorante, ma il proprietario li insulta con…

6 agosto 2020

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020