News

Calenda: “La società si evolve: Roma riconoscerà le famiglie arcobaleno”

Carlo Calenda promette che, se sarà sindaco di Roma, riconoscerà i figli delle famiglie arcobaleno.

“Sono favorevole a qualsiasi tipo di famiglia – ha dichiarato il candidato al Campidoglio, secondo quanto riporta l’Ansa -. La società si evolve e con questa anche le abitudini e le vite delle persone. Per questo credo sia arrivato il momento di chiarire una questione a me cara e che riguarda da vicino anche Annalisa Scarnera, imprenditrice, fondatrice della gay street romana e candidata come consigliera all’assemblea capitolina nella lista Calenda Sindaco”.

Calenda: “Dove c’è amore, c’è famiglia”

“La realtà ci insegna che dove c’è amore c’è famiglia – prosegue l’ex ministro – per questo ritengo sia arrivato il momento che l’anagrafe di Roma apra definitivamente alla possibilità di ottenere la trascrizione dei certificati dei bambini nati all’estero dalle famiglie arcobaleno”.
La stragrande maggioranza di figli di coppie lgbt nati all’estero, vengono al mondo grazie alla gestazione per altri che in Italia è vietata.

“Io, da Sindaco, mi impegnerò – conclude – per far sì che ad ogni bambino venga dato il diritto di avere una famiglia e che questa venga legalmente riconosciuta. Esistono tanti tipi di famiglie, è ora di prenderne atto”.

I bambini nati in Italia

Calenda parla di trascrizioni e non chiarisce come intende comportarsi con i bambini delle famiglie arcobaleno nati in Italia e, quindi, con le iscrizioni ex novo di figli di due mamme. Certo, ribadire che “ogni bambino venga dato il diritto di avere una famiglia” lascia intendere un’apertura anche in questi casi.

Quando Calenda firmò l’appello contro la gpa

La posizione di Calenda rispetto alle famiglie arcobaleno non è sempre stata così aperta. Nel 2019 l’ex ministro del lavoro aveva firmato un appello che si intitolava “No, non bisogna regolamentare la GPA ma abolirla”. Eravamo in piena campagna elettorale per le europee e Calenda correva nelle liste del Pd.
Nella dichiarazione di oggi, il candidato a sindaco di Roma non fa cenno alla gpa sulla quale non è chiaro se abbia o no cambiato idea. Ma aprire al riconoscimento dei genitori dello stesso sesso è un passo avanti notevole.

Il muro di gomma di Raggi

E lo è specialmente per Roma dove finora, invece, le coppie di papà e di mamme avevano trovato nella sindaca Raggi una porta chiusa. Non solo non c’era stata alcuna trascrizione, ma nemmeno un dialogo sul tema.

E’ di qualche mese fa, infatti, la notizia che il Tribunale ha costretto la sindaca uscente a riconoscere due mamme aggiungendo all’atto di nascita anche il nome della mamma sociale di una bimba.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Catania, Comune nega la carriera alias alle persone transgender

Il comune di Catania nega la carriera alias alle persone transgender e non binarie della…

22 Giugno 2024

Ignazio Marino, sei ancora un alleato della comunità LGBTQIA+?

Ce lo ricordiamo tutti, Ignazio Marino, allora sindaco di Roma, che trascrive pubblicamente 16 matrimoni…

12 Giugno 2024

Europee 2024, piccoli passi per garantire il diritto di voto alle persone trans

Come a ogni tornata elettorale, e ciò vale anche per le elezioni europee, molte persone…

8 Giugno 2024

Arriva la saga finale di Sailor Moon: il ritorno delle guerriere “transgender”

Una notizia a lungo aspettata dalla fan base italiana: Sailor Moon torna su Netflix, per…

7 Giugno 2024

Enna Pride, la prima volta della marcia arcobaleno nel centro della Sicilia

Ci sono le prime volte, alcune delle quali lasciano un segno indelebile, e l'Enna Pride…

2 Giugno 2024

Padova: il Tribunale dice sì a 35 certificati con due mamme

Il Tribunale di Padova ha rigettato tutte le impugnazioni degli atti di nascita con due…

5 Marzo 2024