Categorie: Cool

Le 5 serie TV da (ri)vedere mentre #restiamoacasa

No, non siamo sparite. Ma converrete che questa storia del coronavirus ha travolto un po’ tutto, a cominciare dalle nostre abitudini più quotidiane. Anche noi, insomma, come tutti e tutte voi abbiamo dovuto riorganizzare le nostre esistenze. E non è stato semplice. Ma la vita continua. E tornerà ad essere bellissima. Nell’attesa, abbiamo deciso di consigliarvi alcune serie tv, da vedere o rivedere a casa, sul divano di casa vostra. col proprio compagno o compagna, se l’avete, o da commentare con amici e amiche via Skype. Allora, vediamo insieme quali.

Friends e il mondo prima dell’11 settembre

Ross, uno dei protagonisti, con l’ex moglie Susan e la compagna

Come non ricordarci di Friends? Una delle serie più friendly di sempre. E non solo. Ha toccato anche temi scottanti, a cominciare dalla gestazione per altri – ricordate Phoebe, che presta il suo utero alla compagna del fratello? – e delle famiglie omogenitoriali, in un tempo (siamo negli anni ’90) in cui il concetto di “famiglia” era ancora largamente sperimentale. E poi, non possiamo rinunciare a Gatto rognoso, anche nel suo splendido videoclip. E le avventure casalinghe di Monica e Rachel, per non parlare delle peripezie amorose di Ross, Joey e Chandler… insomma, Friends è una serie tv da vedere e rivedere. Anche per ricordare com’era il mondo prima dell’11 settembre. Quando tutto sembrava ancora bellissimo.

L’ironia graffiante di Will & Grace

Sembra quasi sacrilego anche solo parlarne, vista la popolarità che questa serie ha ottenuto negli anni in cui è andata in tv. Eppure non si può non riproporre Will & Grace. E non solo perché parla di amicizia tra mondi destinati a toccarsi, nonostante tutto: quello di Will, gay che ha appena finito una relazione, e Grace, giovane designer di interni. Ma per tutto il corredo di ironia, spesso pungente e anche fuori dalle maglie del politicamente corretto, e di leggerezza che hanno fatto la fortuna di questo telefilm. Per non parlare dei personaggi “collaterali” – ma protagonisti tanto quanto – di Karen, con la sua risata travolgente, e Jake, meravigliosamente “appariscente”. Da non perdere.

L’imprescindibile Sense8 tra le serie tv

E torniamo un po’ ai giorni nostri. Riproponendo una serie tv cha ha rapito i nostri cuori, letteralmente. Sì, abbiamo già parlato di Sense8. E proprio per questo, ve la riproponiamo. Perché oggi come allora pensiamo che «questa serie tv non è solo un piccolo capolavoro del fantasy per come è costruito, ma soprattutto per ciò che si porta dentro: dal riconoscimento di tutte le dimensioni dell’essere a una poderosa rivendicazione politica». E perché «sembra di leggere il documento politico di un pride, insomma. E c’è di più: le Watchowski hanno preso una cultura minoritaria, quella Lgbt, e l’hanno inserita in un prodotto di massa in cui tutti e tutte si possono riconoscere. E questo è un grande merito che va loro riconosciuto». Caldamente consigliata!

Il rapporto con la famiglia, in Brothers & Sisters

Il matrimonio di Kevin, in Brothers & sisters

È andata in onda dal 2006 al 2011. Ha un cast eccezionale, in cui primeggia un’intramontabile Sally Field. E non solo. Già amata in Ally McBeal, ritroviamo una superba Calista Flockhart. Sì, stiamo parlando di Brothers & Sisters – Segreti di famiglia. Certo, questa serie, esattamente come Friend , non è tanto Lgbt+, quanto gay-friendly. Ma la storia di Kevin e il rapporto con la madre e la sua famiglia è un’ottima ragione per indagare, attraverso la finzione narrativa, il rapporto tra genitori e figli, in un contesto che non è poi così scontato per le persone omosessuali in America. Nemmeno se appartieni alla middle class. Ma la scena del matrimonio e la questione dei fiori, che vede fronteggiarsi proprio madre e figlio, merita di esser vista.

E per finire, una serie tv fantasy: Buffy

E chiudiamo questa breve rassegna con un ennesimo tuffo nel passato. E nel fantasy. Non è la prima volta che consigliamo serie tv di questo genere, ma non possiamo non ricordare Buffy, l’ammazzavampiri. Per una ragione, nello specifico: il personaggio di Willow. Per la sua scoperta della sua identità sessuale, che accompagna lo spettatore, passo passo nella serie tv. E non solo: sempre in bilico nella ricerca tra bene e male, Willow è il personaggio che subisce una poderosa metamorfosi all’interno del programma. E si ritaglia un ruolo positivo, sia come donna ebrea e omosessuale, sia in coppia. Lei e la sua compagna, Tara Maclay, sono tra le prime coppie lesbiche in tv (le vedete nella nostra foto in evidenza). E solo per questa ragione, occorre ricordare la serie nei nostri consigli. Non ve ne pentirete.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020

Stonewall 50… in Poi: torna il festival Lgbt+ a Palazzolo Acreide

Torna il festival arcobaleno degli Iblei, l'11 agosto a Palazzolo Acreide in provincia di Siracusa.

31 luglio 2020

Guardami, nasce la campagna social per raccontare la comunità T

Dai moti di Stonewall a oggi ci hanno sempre mess* da parte, hanno sempre scelto…

31 luglio 2020

Quel dolore impigliato tra le pieghe del cuore: lettera a una madre

«Tante cose che prima non capivo, le ho capite soltanto diventando genitore anch'io».

31 luglio 2020