Categorie: News

17 ottobre, oltre 60 piazze a supporto della Legge Zan

Saranno 57 le piazze che il 17 ottobre si popoleranno di militanti e simpatizzanti per la causa Lgbt+, nella manifestazione a sostegno della legge Zan, intitolata “Dalla parte dei diritti”. Una grande manifestazione «convocata  a sostegno dell’approvazione di una legge efficace contro omotransfobia e misoginia in vista del 20 ottobre» come riporta il comunicato ufficiale di Arcigay. Per tale data, infatti, «riprenderà alla Camera la discussione della proposta di legge licenziata dalla Commissione Giustizia».

Il 17 ottobre nelle 57 piazze italiane

Da nord a sud, dalla Pianura Padana alle isole, tra le città che si riempiranno di manifestanti ricordiamo Asti, Trieste, Treviso, Bologna, Firenze, Roma, Salerno, Lecce, Palermo, Catania e molte altre. L’elenco completo, con gli orari e i luoghi di raduno, si può consultare sul sito della manifestazione “Dalla parte dei diritti”. Soddisfazione da parte di Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay: «La grande risposta che da ogni parte del Paese  è giunta alla mobilitazione #dallapartedeidiritti è già di per sé un segnale clamoroso, che deve avere arrivare forte e chiaro a Governo e Parlamento. È il momento di fare qualcosa di concreto per contrastare l’odio in questo Paese».

“Non un passo indietro!” il 17 ottobre a di Roma

Ma non solo “Dalla parte dei diritti”. In altre città, fuori dal circuito Arcigay, diverse le iniziative sempre a supporto della legge Zan. Così a Roma, dove un folto gruppo di associazioni locali, con il Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli in testa, ha convocato la cittadinanza in piazza San Silvestro: «In contemporanea a tante altre piazze in giro per il Paese» si legge sulla pagina Facebook dell’evento, Non un passo indietro!, «daremo vita ad una manifestazione colorata, favolosa, inclusiva e ovviamente rispettosa delle norme anticovid, con tutte le persone e le realtà che vorranno aderire e partecipare per unirci in una lotta che è solo all’inizio».

“Non un passo indietro!” anche a Perugia e Terni

In Umbria sono due gli appuntamenti, in tale data, convocati dalle realtà afferenti all’Umbria Pride: Perugia, a piazza IV Novembre, e Terni in piazza della Repubblica. «Il disegno di legge in discussione alla camera è l’esito di un lungo percorso di confronto e di mediazione tra associazioni e forze politiche e rappresenta per noi un compromesso accettabile su cui non siamo però disposti a fare nessun ulteriore passo indietro» commentano le associazioni del Coordinamento, tra cui ricordiamo AGEDO Terni, Amelia Pride, Esedomani Terni, Famiglie Arcobaleno e Omphalos LGBTI, in collaborazione con 6000 Sardine Umbria.

Il Torino Pride a piazza Castello

Ed anche a Torino è prevista, sempre per il 17 ottobre, una manifestazione a supporto della legge contro l’omo-bi-lesbo-transfobia. «Non un passo indietro: non possiamo più accettare rinvii, né modifiche al ribasso sul disegno di legge proposto dalle componenti della maggioranza di governo» dichiara Giziana Vetrano, del Coordinamento Torino Pride che organizza l’evento. «L’Italia deve dotarsi di una legge che tuteli tutti e tutte e che sanzioni le violenze nei confronti delle persone LGBTQ+ e delle donne. Non c’è tempo da perdere, anzi, siamo in colpevole ritardo e non ci sono ragioni per non essere tutti e tutte dalla stessa parte: basta violenze e discriminazioni». L’appuntamento è in piazza Castello alle 16 di fronte alla Prefettura.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020

Decreto sicurezza: mai più migranti lgbt+ respinti se arrivano da paesi omofobi

I migranti che nel loro paese rischiano persecuzioni per via del loro orientamento sessuale o…

18 novembre 2020

“Rettore donna” è solo Donatella. E studiate l’italiano, per dio!

Qual è la ragione per cui giornali e opinione pubblica resistono al femminile delle professioni?

15 novembre 2020

Brescia, il Tribunale dice sì: Luisa ha due mamme, nonostante la Cassazione

Il Tribunale di Brescia ha detto sì: la piccola Luisa (nome di fantasia) ha due…

14 novembre 2020