Categorie: News

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Si chiamano “strefa wolna od lgbt” e si traduce, alla lettera, con zone libere dagli Lgbt. In queste zone non si può professare ciò che il principale partito di governo, a trazione sovranista e di destra radicale “Diritto e Giustizia”, definisce “ideologia Lgbt”. Succede a Swidnik, in Polonia, e non solo. A riportarlo, sul suo sito, è Wired.

Un’espressione che ricorda le scritte naziste contro gli ebrei

Qui a Swidnik, in questo piccolo centro “liberato” dalla comunità arcobaleno vigono vere e proprie leggi speciali dalla primavera dello scorso anno. E non è l’unica città in cui si assiste a questa barbarie. La frase “strefa wolna od lgbt”, leggiamo ancora su Wired, ricorda molto da vicino «l’espressione tedesca Judenfrei, “libero dagli ebrei” usata dai nazisti durante la Shoah». Eppure il paese dell’est Europa, ricordiamo Polonia, fa parte dell’Unione europea. Qui, leggiamo ancora «la diversità dovrebbe essere un valore» e «l’identità sessuale tutelata», ma. nonostante ciò, «ha vissuto un annus horribilis per i diritti civili».

Gli effetti delle leggi anti-Lgbt

Una manifestazione anti-Lgbt (fonte: Reuters)

Gli effetti di questi provvedimenti non hanno tardato a manifestarsi: «Le marce dell’uguaglianza sono state infatti uno dei principali bersagli del provvedimento». La situazione è a dir poco preoccupante: a Bialystok, «città più a nord rispetto a Lublino, vere e proprie squadriglie armate con mazze e catene hanno pestato i dimostranti lo scorso luglio. Anche qui ci troviamo in una zona lgbt-free». Ben 86 enti locali di vario livello, apprendiamo ancora «hanno adottato 91 provvedimenti per stabilire queste zone franche. […] Lo scopo è quello di dissuadere e scoraggiare qualsiasi azione anti-discriminazione e a favore della parità dei diritti: le ong lgbt, ad esempio, sono escluse dai progetti e dai bandi di concorso, e si impedisce che possano affittare spazi per formazioni, conferenze, eventi».

La comunità Lgbt sotto l’attacco di destra e chiesa

L’azione contro la comunità Lgbt+ locale vede in prima linea sia la politica, sia la stessa chiesa cattolica. Jaroslaw Kaczynski, il leader del Pis (sigla polacca per il partito “Diritto e Giustizia”) ha usato l’argomento della minaccia valori progressisti occidentali introdotti in Polonia per minacciare la patria e la famiglia. Questa demonizzazione, insieme alla disinformazione, ha fatto presa in quelle zone del paese, a maggioranza rurali. Vescovi e sacerdoti, dal canto loro, non sono da menoJakub Gawron, attivista per i diritti civili, ha dichiarato a Wired: «La chiesa attacca la nostra comunità più duramente che la politica. Marek Jędraszewski» un arcivescovo cattolico polacco «ha usato per la prima volta il termine ‘piaga arcobaleno‘ che è stato immediatamente ripreso dall’ultradestra».

La risoluzione UE e il voto contrario di Lega e FDI

L’Unione Europea non è rimasta a guardare, ma le misure sono ancora inefficaci. Il 18 dicembre del 2019, infatti, è stata sì votata una risoluzione che condanna «tutti gli atti pubblici di discriminazione contro le persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender e intersessuali nelle zone franche Lgbt» presenti in Polonia, ma il provvedimento è un atto non vincolante. E la cosa che preoccupa ulteriormente, soprattutto per chi vive in Italia, è come hanno votato i nostri rappresentanti: tutta la Lega e alcuni eurodeputati di Fratelli d’Italia, infatti, si sono espressi contro la condanna. Atto che non fa ben sperare, qui a casa nostra, se questi due partiti – per altro favoriti nei sondaggi – dovessero vincere le elezioni.

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020