Categorie: News

“Vogliamo Verona libera e un’Italia laica”: così la società civile si mobilita il 30 marzo

“Verona libera, Italia laica” è la parola d’ordine della società civile nazionale e internazionale che si mobilita il 30 marzo nella città ormai simbolo degli attacchi ai diritti delle donne, sede del World Congress of Families.

Associazioni e movimenti insieme si danno così appuntamento a Verona “per denunciare – si legge in una nota – quello che si è autodefinito il Congresso mondiale delle Famiglie: l’iniziativa internazionale contro la libertà e l’autodeterminazione delle donne, contro i diritti civili e contro l’autodeterminazione delle scelte affettive e familiari”.

Uno spazio comune di impegno

Si parte con un convegno, il 30 marzo (dalle 9.00 alle 13.00, presso l’Accademia dell’Agricoltura, Lettere e Scienze, in via del Leoncino 6) che ha, secondo quanto riporta una nota degli organizzatori, lo scopo di dare “vita a uno spazio comune di impegno, unità e mobilitazione per tutta la società civile e i movimenti, che sia una opportunità di proposta costruttiva prima del corteo di protesta del pomeriggio”.
Un modo per fare rete, costruirla “per affrontare le sfide che abbiamo davanti e per una mobilitazione civica che vada oltre Verona”.

Chi organizza

L’iniziativa parte da Ippfen (International Planned Parenthood Federation European Network) e Uaar (Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti) in collaborazione con Rebel Network. Di seguito associazioni che hanno finora aderito:
Agedo Nazionale, Arci nazionale, Arcigay, Associazione Lesbica Femminista Italiana Alfi Nazionale, AllOut Associazione Radicale Certi Diritti, Avvocatura per i Diritti LGBTI – Rete Lenford Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli, Comitato Popolare Difesa Beni Pubblici e Comuni “Stefano Rodotà”, Cooperativa Giancarlo Siani – Libera, Coordinamento Torino Pride, Associazione Differenza Donna Edge, D.i.Re Donne in Rete contro la violenza,Famiglie Arcobaleno – Associazione genitori omosessuali, GayNET, I sentinelli di Milano, IPPFEN, MIT – Laiga – Libera Associazione Italiana Ginecologi per l’applicazione della legge 194/78, Movimento Identità Trans, Movimento per i beni comuni, Rebel Network, Rete Educare alle differenze, Se Non Ora Quando –Torino e Ufficio Nuovi Diritti CGIL Confederazione Generale Italiana del Lavoro, Via di donna.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

In piazza per sostenere la legge Zan, ma senza compromessi al ribasso

"Sì alla legge Zan, ma senza compromessi al ribasso". E' questo il nocciolo dell'appello alla…

15 luglio 2020

Lizzano, Taranto: la risposta della sindaca alla messa omofoba

Le parole di Antonietta D'Oria, prima cittadina di un comune pugliese, raccolgono il plauso della…

15 luglio 2020

Un uomo è morto di covid nel carcere in cui è detenuto Patrick Zaki

Non solo la detenzione prorogata di altri 45 giorni senza una reale ragione. Ora Patrick…

15 luglio 2020

Legge Zan adottata in Commissione Giustizia: entro giovedì gli emendamenti

Depositata il 30 giugno scorso , la proposta di legge contro l'omolesbobitransfobia e la misoginia…

14 luglio 2020

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020