Categorie: Video

“La casa non è fatta per difendersi”: la campagna di Ikea e Telefono Donna contro la violenza sulle donne

Una donna guarda i mobili esposti in un negozio Ikea e li valuta in base a quanto possano esserle utili per nascondersi o per difendersi dalla violenza del proprio compagno. È il video, lungo meno di un minuto, realizzato dall’azienda svedese in collaborazione con Telefono Donna Onlus in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne del prossimo 25 novembre.
“La casa è il luogo in cui dovremmo sentirci più sicuri. Eppure in Italia 1 donna su 3 subisce violenza domestica – scrive Ikea sulla propria pagina Facebook -. Insieme a Telefono Donna, dal 13 al 25 novembre vi aspettiamo nei nostri negozi per ricordare alle vittime di violenza che esiste una via d’uscita. Facciamo sentire la nostra voce #PerUnaGiustaCasa”.

Il video della campagna

La casa è il luogo in cui dovremmo sentirci più sicuri. Eppure in Italia 1 donna su 3 subisce violenza domestica. Insieme a Telefono Donna, dal 13 al 25 novembre vi aspettiamo nei nostri negozi per ricordare alle vittime di violenza che esiste una via d’uscita. Facciamo sentire la nostra voce #PerUnaGiustaCasa.

Pubblicato da IKEA su Giovedì 9 novembre 2017

Rappresentazioni in tutti i punti vendita

In quei giorni, infatti, in tutti i punti Ikea italiani i clienti potranno assistere a delle piccole rappresentazioni teatrali messe in scena tra gli ambienti ricreati nei negozi e il cui tema sarà proprio la violenza domestica contro le donne. A recitare i ruoli di storie vere saranno gli attori e le attrici del Teatro Stabile d’Abruzzo e della Compagnia dei Filodrammatici di Milano. I dati dell’Istat sono allarmanti: nel nostro paese, una donna su tre è vittima di violenza tra le mura di casa, ma solo l’11,8 per cento denuncia. Tra coloro costrette a ricorrere alle cure del pronto soccorso, il 90 per cento dichiara di essere rimasta vittima di un incidente domestico. “Il video non è rassicurante – ha commentato Sara del Fabbro, Deputy AD IKEA Italia a La Stampa -. Ma è la realtà a non essere rassicurante. È inutile nascondersi. Per stare vicino alle vittime di stalking abbiamo introdotto un congedo di sei mesi e la possibilità di trasferirsi in un altro store di un’altra città. In più organizziamo periodicamente corsi di autodifesa per le nostre dipendenti che sono il 58% del totale”.

Condividi

Articoli recenti

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020