Categorie: News

Venture: come sconfiggere le fake news e l’omofobia con un gioco di carte

Una delle carte di Venture

La terra è piatta, i vaccini uccidono i nostri bambini e il cambiamento climatico è una bufala. Quante volte succede, quasi quotidianamente, di imbattersi in queste e miriadi di altre pericolosissime fake news? Contro di loro, solo la scienza ci può aiutare. Il rischio, però, è di risultare noiosi.
E se ne usassimo un gioco di carte per diffondere conoscenza e fare vincere la scienza e il progresso scientifico?
E’ l’idea di Giuseppe Morandi e Nicole Pallares Ferrer, fondatori di BeeZarre Games, che insieme hanno dato vita a Venture, un gioco di carte i cui protagonisti sono scienziati del passato (e non solo) e le loro scoperte. Non solo grandi scienziati e scienziate molto conosciuti, ma anche nomi meno noti le cui invenzioni hanno avuto ruoli determinanti nel progresso scientifico di cui oggi godiamo.

Come funziona Venture

Un massimo di sei giocatori (da 10 anni in su), quattro fasi e un obiettivo finale: vincere il premio Nobel. Si può essere un matematico, un fisico, un chimico, un astronomo, un geologo o un biologo. Ognuno di loro ha 4 missioni da completare prima di vincere l’ambito riconoscimento internazionale. Dall’inizio del gioco al completamento delle missioni, ogni giocatore dovrà preoccuparsi che la propria missione non venga rubata da altri, di superare gli ostacoli che si presentano, di non farsi sabotare dagli altri, ma anzi di sabotare loro.

Nicole Pallares Ferrer e Giuseppe Morandi

Venture e Bye Bye Bulli

Venture esce, in esclusiva su Gaypost.it, in bundle con il libro “Bye Bye Bulli” edito da Frame e una parte del ricavato delle vendite finanzierà proprio il progetto di Frame contro il bullismo omofobico nelle scuole. “Sia Venture che Bye Bye Bulli sono progetti che si rivolgono ad pubblico simile prevalentemente scolastico – spiegano i due autori del gioco a Gaypost.it -, e i due progetti sono uniti da uno scopo comune: trasmettere alle persone informazioni sufficienti da permettergli di arrivare ad un giudizio ponderato e consapevole prima di agire. Da un lato c’è Venture con la sua componente didattica che contrasta le fake news, dall’altro c’è Bye Bye Bulli che combatte il pregiudizio e l’omofobia nelle scuole e non solo”.

 

“Inoltre, ci sentiamo ancor più uniti alla causa di Bye Bye Bulli poiché apparteniamo sia al mondo LGBT+ che a quello nerd – sottolineano -, gruppi che ancora oggi subiscono bullismo. Chiunque è capace di far del male, ma allo stesso tempo di rivoluzionare il mondo, perché non pensarci prima di agire?”.

Venture e Bye Bye Bulli

Il coraggio di essere se stessi

“Bye Bye Bulli è un progetto che combatte il bullismo omofobico insegnando anche al pubblico che essere diversi rappresenta una forza e non una debolezza. Venture, allo stesso modo, combatte l’ignoranza – concludono – facendo emergere figure scientifiche anche poco note che proprio grazie alla loro eccentricità ed intuizione sono riusciti a rivoluzionare il mondo, a volte anche pagando con la vita. E Alan Turing ne è un esempio”.
Il gioco di carte Venture e Bye Bye Bulli si possono acquistare sul Gender Shop di Gaypost.it al prezzo speciale di 25 euro invece che 24,90 euro del gioco e 6,50 euro del libro. Natale sta per arrivare, ognuno di noi ha dei bambini a cui fare dei regali: perché non puntare su qualcosa di divertente e, allo stesso tempo, istruttivo?

Condividi

Articoli recenti

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020

Potenza, aggredita ragazza: “Vuoi fare il maschio? Le persone come te devono morire”

Aggredita mentre camminava per strada, insultata e pestata a suon di pugni. E' a Giulia Ventura, una trentenne di Potenza…

18 gennaio 2020

“Cosa succede quando dico a qualcuno che sono demisessuale”

Riceviamo e pubblichiamo la storia di F.G. un ragazzo demisessuale.

16 gennaio 2020