Categorie: Aiuto il gender!

Il teatro della cittadina neozelandese e il cartello per il bagno più inclusivo mai visto

Quella che vedete nell’immagine qui sopra è l’insegna del bagno del Regent Theatre. Il teatro della cittadina di Dunedin, nell’estremo sud della Nuova Zelanda, l’ha scelto per dare un messaggio di inclusività verso tutte le differenze. A comunicare la novità è stato lo stesso Regent con un tweet inviato dal suo account ufficiale. Com’è evidente, il cartello mette il bagno a disposizione di persone di qualsiasi genere e natura. Sotto l’alieno sdraiato si legge: “Qualsiasi cosa, basta che vi laviate le mani”.

“Vogliamo che le persone siano rilassate e per questo abbiamo scelto questo cartello – ha spiegato Hannah Molloy, responsabile del marketing per il Regent Theatre -. Toglie tutte le ansie alle persone che si possono sentire sotto pressione ad andare in un bagno destinato ad uno specifico genere, o ad un altro, quando magari non si identificano con nessuno dei due”.

E la novità è stata accolta bene dai cittadini di Dunedin. La stessa Molloy ha raccontato che “non abbiamo avuto alcun feedback negativo. Evidentemente c’era una richiesta in questo senso: la società è pronta”.

Condividi

Articoli recenti

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020