Categorie: News

Svezia: risarcimento di 22 mila euro per le persone trans costrette ad operarsi per cambiare genere

La Svezia risarcirà le persone trans costrette a sottoporsi alla sterilizzazione chirurgica per ottenere la riassegnazione del genere. Lo ha deciso il parlamento con un voto espresso all’inizio di questa settimana. La legge che costringeva le persone trans all’intervento perché lo Stato riconoscesse la loro identità di genere è stata abrogata nel 2013. Da allora le associazioni hanno chiesto dei risarcimenti per le circa 700 persone che avevano subito l’operazione.

Un risarcimento di 22 mila euro

All’inizio della settimana, il Parlamento ha detto sì. Ogni trans che nei 41 anni in cui la legge è stata in vigore hanno subìto l’intervento senza volerlo, otterrà un risarcimento pari a 225,000 SEK (circa 22.000 euro).
Lo scorso anno, il ministro della Salute Gabriel Wilkström aveva già dichiarato che il governo voleva presentare questa legge. Si tratta del primo testo di questo genere ad essere approvata nel mondo.
La Federazione Svedese per i diritti delle persone lgbtq ha accolto con entusiasmo l’approvazione del provvedimento.

“Un passo importante”

“Ci battiamo per questo dal 2013 – ha dichiarato Emelie Mire Åsell, portavoce del gruppo per le persone trans e intersex -. da quando la legge che obbligava alla sterilizzazione è stata abolita. I soldi non possono eliminare il danno di avere perso le capacità riproduttive contro la propria volontà, ma il risarcimento economico è un passo importante perché lo Stato faccia ammenda verso tutte quelle persone costrette a questo trattamento”.

Condividi

Articoli recenti

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020