Categorie: CoolNews

Torna Streghe in tv: addio alle sorelle Halliwell, arrivano le femministe Lgbt

L’autunno, si sa, è la stagione in cui riprendono le serie tv. Tra le uscite più attese della stagione che verrà – e che, immaginiamo, susciterà tanta curiosità quanto critiche, tra i fan più affezionati del telefilm – c’è il reboot di Streghe, che sarà mandato in onda il 14 ottobre dall’emittente statunitense CW. Vediamo quali sono le novità che questo rifacimento porterà con sé. A cominciare dal fatto che una delle tre sorelle del “potere del trio” appartiene alla comunità Lgbt.

Tre nuove streghe

Una scena del reboot

Un reboot è un rifacimento: la serie ha mantenuto il nome originale – Charmed, nella versione americana – ma le tre protagoniste non saranno più le sorelle Halliwell, bensì le sorelle Vera. Non vedremo più Prue (poi sostituita da Paige), Piper e Phoebe, bensì Macy, Mel e Maggie. I loro poteri sono analoghi, seppur con qualche differenza, a quello delle famose tre sorelle della serie tradizionale: la capacità di spostare gli oggetti, congelare il tempo e leggere nel pensiero (mentre nella prima serie, la terza sorella aveva il potere della preveggenza).

La sostituta di Piper: femminista e lesbica

Le tre nuove protagoniste saranno interpretate, rispettivamente, da Madeleine Mantock, da Melonie Diaz e da Sarah Jeffery. Sarà una serie tv improntata sul “politicamente corretto” e sulla rappresentazione delle diversità e delle minoranze. Le tre nuove streghe, infatti, hanno origine ispano-americana. La secondogenita, per altro, è lesbica femminista e non si batte soltanto contro i demoni, ma anche contro il patriarcato. Previsto, ancora, il ruolo di un angelo bianco – che abbiamo conosciuto come Leo nella versione originale – e interpretato da Rupert Evans.

In attesa delle reazioni del pubblico

Il cast originale

Il resto del nuovo Charmed ricalca la vecchia storia: tre sorelle inconsapevoli, una madre strega, poteri straordinari e un angelo bianco a fare da guida… In mezzo a tutto questo, ancora troviamo anche una forte impronta politicamente connotata che non era prevista nella serie precedente. C’è da scoprire come il pubblico accoglierà tutte queste novità. È oggettivamente difficile, infatti, bissare il successo come quello della prima edizione di Streghe. E sarà ancora più arduo occupare il posto nel cuore dei fan che le sorelle Halliwell si sono conquistate, per ben otto stagioni, grazie alla loro lotta contro stregoni, angeli neri e le tante altre creature degli inferi. 

Condividi

Articoli recenti

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020