Categorie: NewsOnda Pride

Lo spot del Sardegna Pride denunciato per adescamento di minori

Lo spot del Sardegna Pride finisce in Tribunale con accuse pesantissime: adescamento di minori, istigazione a pratiche di pedofilia e pedopornografia, atti sessuali con minorenni. A presentare l’esposto, secondo quanto riporta l’Ansa, sono stati i senatori di Idea Carlo Giovanardi e Gaetano Quagliariello. Secondo i senatori, nello spot “un minore viene fatto oggetto di espliciti ammiccamenti di natura sessuale”. Il video in questione, che potete vedere qui, mostra un gruppo di partecipanti ad un pride tra cui una drag queen, che incontrano una madre con il figlio il cui sguardo viene attirato dal gruppo.

Il senatore Quagliariello durante una movimentata seduta del Senato di qualche anno fa

La madre, scandalizzata, cerca di sottrarlo, ma senza successo.

In un batter d’occhio, il bambino si ritrova con un boa al collo. Uno spot che fa ironia su quella parte di attacchi ai pride e alla comunità lgbt in generale che parla di pericoli per i bambini che vi vengono a contatto. Un’ironia che ai senatori non solo non è piaciuta, ma che ha fatto addirittura avanzare l’ipotesi di reati gravissimi ai danni di moniri e per i quali sono previste pene pecuniare e anche la detenzione fino a cinque anni.

Secondo Giovanardi e Quagliariello la situazione sarabbe aggravata dal fatto che “gli organizzatori vantano aver avuto più di 500 mila visualizzazioni”. Per i due esponenti del centrodestra, “l’articolo 609 del Codice Penale definisce adescamento “qualsiasi atto volto a carpire la fiducia del minore attraverso artifizi, lusinghe o minacce poste in essere anche mediante l’utilizzo della rete internet o di altre reti o mezzi di comunicazione” e invocano l’ultimo comma dell’art. 600 ter del codice penale secondo cui “non possono essere invocate, a proprie scuse, ragioni o finalità di carattere artistico, letterario, storico, di costume”. Nell’esposto, i senatori citano anche agli artt. 609 undicies, 414 bis e 600 ter del codice penale.

Condividi

Articoli recenti

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020

Potenza, aggredita ragazza: “Vuoi fare il maschio? Le persone come te devono morire”

Aggredita mentre camminava per strada, insultata e pestata a suon di pugni. E' a Giulia Ventura, una trentenne di Potenza…

18 gennaio 2020

“Cosa succede quando dico a qualcuno che sono demisessuale”

Riceviamo e pubblichiamo la storia di F.G. un ragazzo demisessuale.

16 gennaio 2020

Regno Unito: trasmissioni di HIV calate del 73 per cento tra gli uomini gay e bisessuali

Secondo quanto riferisce la BBC, nel Regno Unito il numero di diagnosi di HIV è drasticamente calato dal 2014 ad…

16 gennaio 2020