Categorie: News

Bari, il Tribunale smentisce Salvini: “Non può rettificare gli atti di nascita”, quel bimbo ha due mamme

Il Ministero si era opposto, ma il Tribunale ha, di fatto, dato ragione al Comune di Bari e alle due mamme: l’atto di nascita del loro bambino, nato in Inghilterra, può essere trascritto con il nome di entrambe le donne.
Per il Tribunale di Bari il procedimento è “estinto” in considerazione del fatto che anche la Procura di Bari ha rinunciato a procedere.
Per i giudici di Bari “il Ministero dell’Interno non può considerarsi legittimato all’azione di rettificazione degli atti dello Stato Civile”.
La Procura di Bari aveva chiesto, in un primo momento, la cancellazione dell’atto. Poi, però, aveva revocato la richiesta.

L’intervento del ministero

A quel punto era intervenuto il Ministero guidato da Matteo Salvini. Secondo il Viminale, “la cittadinanza italiana si acquista iure sanguinis, per nascita da padre o da madre italiani”.
Il bambino figlio delle due donne, però, è stato partorito dalla madre britannica, unita civilmente con una donna italiana. Questo era motivo sufficiente, per il Ministero, per negargli la cittadinanza e, quindi, la trascrizione dell’atto di nascita in cui si riportano entrambi i nomi delle sue mamme.
Di fatto il Tribunale non si è espresso nel merito della trascrizione, ma dichiarando decaduto il procedimento la ha di fatto resa valida.
Al processo si erano costituiti parte civile il Comune di Bari, convinto della correttezza della trascrizione, e l’Avvocatura per i diritti LGBT – Rete Lenford.

Condividi

Articoli recenti

Secondo l’Oms le persone Lgbtq+ sono tra le più a rischio suicidio

Per la giornata mondiale della salute mentale l'Oms ha pubblicato i dati sul suicidio. Le persone Lgbtq+ tra quelle più…

15 ottobre 2019

Marche, la Lega accusa il progetto della Regione di proporre il “gender” a scuola

Il progetto si chiamerà "W l'amore", ma la Lega e l'Udc annunciano battaglia. L'assessora regionale si dissocia.

14 ottobre 2019

“Super trans”, ma è una drag queen: dopo le polemiche, Arcigay si scusa per la campagna

Per la giornata mondiale del coming out Arcigay pubblica una campagna, ma fioccano le polemiche. Oggi arrivano le scuse.

14 ottobre 2019

Alessia e Davide, storica sentenza: il matrimonio di due persone trans è stato trascritto

Alessia e Davide si erano sposati prima della transizione di entrambi, nel 2016. Ora il tribunale di Grosseto ha ordinato…

14 ottobre 2019

L’Uganda vuole introdurre la pena di morte per gli omosessuali

Il presidente ugandese si dice fiducioso che la legge passerà, appena presentata in parlamento.

11 ottobre 2019

Studente picchiato: aggressione omofoba a Firenze

Il Corriere Fiorentino, nella sua edizione cartacea odierna, ha denunciato un'aggressione omofoba avvenuta a Firenze. LA RICOSTRUZIONE Secondo quanto riportato…

11 ottobre 2019