Categorie: News

Salerno: tredicenne picchiato da un branco di compagni di scuola perché gay

Le vessazioni andavano avanti da mesi, ma quando la madre di un tredicenne ha visto tornare il figlio a casa pieno di lividi e graffi ha deciso di sporgere denuncia.
Il ragazzo, un tredicenne che vive a Scafati (Salerno) sarebbe stato aggredito perché omosessuale o ritenuto tale. I fatti risalgono a venerdì sera e a riportarli è il quotidiano locale “La città di Salerno”.

Nella villa deserta

Secondo il racconto che la madre ha fatto ai carabinieri, il figlio sarebbe stato costretto ad entrare nella villa comunale forzando il cancello che a quell’ora (le 21 circa) è chiusa. Una volta all’interno, oltre agli insulti omofobi, sono iniziati il pestaggio e le molestie. Prima gli schiaffi, poi gli aggressori lo hanno immobilizzato e continuando ad offenderlo perché sarebbe gay, hanno iniziato a toccarlo nelle parti intime.
L’azione è avvenuta senza che nessuno si accorgesse di nulla perché la villa era vuota.

Un gruppo di compagni di scuola

Gli aggressori, un gruppo di quattro ragazzini coetanei della giovane vittima, sarebbero compagni di scuola del ragazzo che da mesi lo perseguitano per la sua presunta omosessualità. Quella di venerdì sera, inoltre, non sarebbe la prima volta che il ragazzo è vittima di vessazioni.
Al ritorno a casa, la madre non ha potuto non accorgersi di quello che era successo. Secondo il quotidiano salernitano, non è stato facile per la donna farsi raccontare tutto dal figlio, ancora sotto shock.
Ora sulla vicenda indagano i carabinieri perché la madre del tredicenne ha denunciato tutto.

Condividi

Articoli recenti

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020