Ritorna Sailor Moon e sarà più gender che mai

E Sailor Moon tornerà a breve sui nostri schermi. Anzi, a dire il vero, sui nostri monitor. Come i fan già sapranno, sul canale web Nico Nico è in arrivo (in data ancora da destinarsi) la terza stagione delle avventure della “paladina che veste alla marinara”, in edizione Crystal. Questa versione è stata appositamente creata per la rete e le prime due stagioni trasmesse già da due anni, in occasione del ventennale del manga che nei primi anni novanta spopolò dapprima in Giappone e poi nel resto del mondo, soprattutto nella trasposizione in tv.

La terza stagione di Sailor Moon Crystal

Un “anime” che, visto con gli occhi di adesso, si rivela incredibilmente gender. Chi ha visto le stagioni originali, infatti, nella prima ricorderà benissimo la storia d’amore dei cattivissimi Lord Kaspar e Zachar, quest’ultimo “trasformato” in donna proprio nell’adattamento italiano per dissimulare la relazione tra i due e per giustificare le sue sparizioni tra i petali di fiori. E ancora, nella terza stagione ricordiamo le guerriere Sailor Uranus e Sailor Neptuno, lesbiche e fidanzate ma – miracoli del doppiaggio – “riconvertite” in inseparabili amiche, sempre mano nella mano (e pazienza se una delle due è anche un po’ butch).

Il colmo dei colmi, tuttavia, lo si raggiunge nella stagione finale. Perché dalle profondità dello spazio arrivano ben tre nuove guerriere, non solo dalla mise un po’ leather ma anche dall’identità di genere abbastanza fluida: in abiti civili, infatti, le Sailor Starlight sono niente meno che cantanti maschi! Poi, durante la trasformazione, questi stessi cambiano sesso. Per i nostri adattatori, tuttavia, è sembrato più credibile rinchiudere nei corpi dei tre personaggi le loro “sorelle gemelle” che vengono fuori solo al momento della metamorfosi. Poi quelli deviati saremmo noi gay…

Situazioni, tutte queste, che provocarono non pochi mal di pancia alle solite associazioni di genitori cattolici. Il rischio di confondere i bambini e la loro identità sessuale, a sentir loro, era totale.

Le Sailor Starlight

Subodorò la questione la psicologa Vera Slepoj, che lapidaria sentenziò: «Sailor Moon è un’eroina dotata di una grande forza, una donna che comanda. È un personaggio molto ambiguo, con tratti maschili. Tutto ciò crea disturbi nei bambini, li confonde proprio in un’età in cui hanno un grande bisogno di modelli da imitare». Insomma, negli anni novanta se guardavi le avventure di Usagi e delle sue amiche, ed eri maschio, c’era il rischio di crescere finocchio. Con argomentazioni che oggi, nel 2016, in bocca a un Amato o a una Miriano qualsiasi, sarebbero bollate senza troppe difficoltà come medievali e prive di qualsivoglia evidenza scientifica.

Nella certezza che la visione di questa nuova serie non farà altro che rapire chi ancora non conosce la principessa della Luna e le sue amiche, senza alterare di una virgola orientamenti sessuali e identità di genere di chicchessia – e fidatevi: quando vedevo la prima versione dell’anime ero già gay, mentre mia sorella è rimasta irriducibilmente etero – la terza stagione si preannuncia ancora più esplicita di quella andata in tv negli anni ’90. Basta vedere il video (che trovate qui di seguito), che ritrae proprio Haruka e Michiru, le due guerriere Sailor del sistema planetario esterno, in tutto il loro amore. Il resto lo vedremo con l’inizio delle nuove puntate. E ne vedremo delle belle, in ogni senso.

Condividi

Articoli recenti

Toilette “gender free”: all’Università di Torino è scontro con i collettivi di destra

L'iniziativa mandata avanti da un collettivo indipendente. Ma la destra nostalgica non ci sta...

6 dicembre 2019

Seattle, 10.000 lucine di Natale arcobaleno contro i vicini bigotti

L'iniziativa di una donna gay-friendly, contro i vicini omofobi. Succede a Seattle, negli USA.

6 dicembre 2019

Boston, giovane uomo aggredito con pala e taglierina perché gay

Un'aggressione immotivata, per le strade di Boston.

6 dicembre 2019

Gran Bretagna, nasce primo bambino da “gravidanza condivisa”

Dalla Gran Bretagna una nuova tecnica, che permette di "condividere" la maternità.

5 dicembre 2019

Vuole comprare un gatto: «Non vendiamo a transessuali». La denuncia

«Evidentemente quando il venditore ha visto la mia foto profilo su WhatsApp, si è indignato, è rimasto sconvolto».

5 dicembre 2019

Lipsia, l’allenatore Nagelsmann a favore del coming out

Un'importante apertura dal mondo del calcio, tradizionalmente ostile al mondo Lgbt+.

5 dicembre 2019