Categorie: News

Russia: presto la violenza domestica non sarà più un crimine

“Le punizioni non possono contraddire i valori della nostra società. Nella famiglia tradizionale russa le relazioni genitore-figli sono costruite sull’autorità dei genitori, quindi le leggi devono adattarsi”. Dopo queste parole, mercoledì scorso la Duma ha votato in prima lettura con 368 sì, un no e un’astensione, un disegno di legge che decriminalizza la violenza domestica, rendendola solo un illecito amministrativo. Provvedimenti penali sarebbero previsti solo nel caso in cui un abuso fosse ripetuto almeno due volte nel giro di un anno, e ovviamente solo nel caso in cui la persona che ha commesso l’abuso venisse ritenuta colpevole. Se dovesse passare anche la seconda lettura, il testo diventerà legge.

Chi è l’autrice della legge

Yelena Mizulina

A presentare il ddl è una figura politica ben nota alla comunità arcobaleno russa. Si tratta di Yelena Mizulina, legislatrice di stampo ultra-conservatore nota non solo per aver presentato ed introdotto la famigerata legge “anti-propaganda gay” pochi anni fa, ma anche per aver accusato diversi oppositori della suddetta legge di essere “membri di lobby pedofile”. Ufficialmente deputata di un partito di opposizione, Mizulina è a capo della Commissione Parlamentare sulla Famiglia, le Donne e i Bambini e non sembra avere problemi con il premier Putin, con cui ha lavorato tantissimo negli ultimi anni, riuscendo a portare a termine molti dei suoi progetti.

Tra questi l’approvazione di una legge che limita l’uso di internet impedendo l’accesso a siti critici con il governo bollandoli come pedofili e/o  che trattano di droga e/o illegali. La sessantaduenne, madre di due figli e antidivorzista, si è più volte schierata contro l’aborto, dicendo che gli unici casi in cui lo ritiene ”comprensibile” e ”non tassabile” sono quelli terapeutico o successivi a uno stupro. Yelena Mizulina, inoltre, auspica la messa al bando della gestazione per altri e nel 2012 ha proposto una tassa sul divorzio, incoraggiato la crescita delle famiglie multigenerazionali e nel 2014 ha cercato di fare in modo che tutte le donne fertili non potessero accedere agli studi universitari senza prima aver concepito. Tutto questo per far fronte ad una futura crisi demografica.

La reazione delle associazioni femministe e per i diritti umani

Tornando alla depenalizzazione della violenza domestica, Mizulina ha spiegato così la sua motivazione: “Non si può sbattere qualcuno in galera per due anni e marchiarlo a vita come un criminale per un ceffone”. Immediata la reazione da parte di femministe ed attivisti per i diritti umani. “I nostri politici credono davvero che una semplice multa possa funzionare da deterrente e rimettere a posto le statistiche? Saranno responsabili di ancora più vittime!” ha dichiarato l’attivista Alyona Popova. I numeri sono sconvolgenti. Secondo fonti del governo russo, il 40 per cento dei crimini violenti avvengono in famiglia. Sono ben 36000 le donne picchiate ogni giorno dal loro partner e 26000 i bambini aggrediti o abusati dai loro genitori ogni anno.

Condividi

Articoli recenti

Rimini: per ordine del Tribunale, il Comune riconosce le due mamme di due bimbi

Il Tribunale di Rimini ha ordinato al Comune di Rimini di correggere l'atto di nascita dei figli di una coppia…

28 gennaio 2020

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020