Categorie: News

Sweet Home Alabama: giudice federale blocca la legge anti-aborto

Un giudice federale ha deciso di bloccare una delle più restrittive leggi contro l’aborto degli Stati: si tratta della ormai tristemente famosa legge dell’Alabama, quella che avrebbe resto impossibile ogni forma di aborto.

LA DECISIONE DEL GIUDICE

Martedì il giudice Myron H. Thompson della United State District Court per il Middle District of Alabama ha emanato una ingiunzione contro la legge, che sarebbe entrata in vigore dal 15 novembre. La legge era stata stata firmata a maggio, tra mille polemiche.
Il giudice Thompson è ottimista sull’esisto del ricorso.
Dalla scorsa primavera erano state molte le proteste contro la legge in tutta la nazione. La legge consentirebbe l’aborto solo in caso di rischio di vita della donna, senza prendere in considerazione l’ipotesi di stupro o incesto. Ogni medico che avrebbe comunque deciso di procedere con l’Igv avrebbe rischiato fino a dieci anni di carcere.

GLI USA E L’ABORTO

Altri stati, inclusi la Georgia, il Mississippi e l’Ohio, stato cercando di lanciare leggi anti aborto, alcune note come “leggi del battito cardiaco”. Leggi che metterebbero al bando l’aborto in ogni caso in cui il battito del cuore sia percepito. Molti attivisti hanno detto che queste leggi sono parte di un tentativo molto più ampio di presentare ricorso alla Corte suprema a proposito del caso Roe v Wade che ha abbattuto tutte le leggi statali anti aborto.
La causa da cui nasce la decisione di oggi è stata intentata dalla American Civil Liberties Union e della Planned Parenthood Federation of America per conto di Yashica Robinson, una ostetrica di Huntsville, Alabama, che pratica aborti.

«L’aborto resta legale in Alabama», ha spiegato Randall Marshall, il direttore esecutivo dell’Aclu dell’Alabama. «Il ripetuto tentativo dello stato di rendere l’aborto inaccessibile è già costato ai contribuenti 2.5 milioni di dollari. Questa legge malamente consigliata costerà ai contribuenti ancora più soldi».

ABORTO E COMUNITÀ LGBT+

L’accesso all’aborto è stato e continua a essere un tema che ha effetto sulla comunità Lgbt+ in tutto il paese.
Nel 2015 uno studio dei ricercatori delle George Mason University ha scoperto che lesbiche, bisessuali e trans, soprattutto se studenti delle superiori e  sessualmente attivi, hanno un rischio tre volte superiore di rimanere incinte rispetto ai loro coetanei etero e cisgender.
Nel 2017 una meta analisi ha scoperto che le teenagers lesbiche e bisessuali hanno maggiori probabilità di rimanere incinte rispetto agli altri gruppi.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020

Insulti a coppia gay in viaggio di nozze: lo chef disegna un pene sul piatto

Una brutta sorpresa, per una coppia di uomini in viaggio di nozze in Puglia.

12 settembre 2020