Categorie: News

Roma, mai rimossi i manifesti omofobi di ProVita. Pelonzi (Pd): “La sindaca solleciti gli uffici”

All’annuncio non sono seguiti i fatti. I manifesti di ProVita contro i padri gay affissi a Roma non sono stati rimossi, nonostante l’annuncio della sindaca Raggi. Lo denuncia un una nota il consigliere del Pd in Campidoglio Antongiulio Pelonzi. “Dopo la nostra denuncia, la sindaca Raggi ha dato disposizione agli uffici comunali di rimuovere i manifesti omofobi comparsi martedì scorso in città e firmati dall’associazione ProVita”. “Quei manifesti però – continua Pelonzi – ad una settimana di distanza sono ancora affissi in vari luoghi della città: da corso Francia, all’Eur, da Prati a via Cristoforo Colombo ecc”.

“Eppure è stata proprio la sindaca ad affermare che quell’affissione non è stata mai autorizzata da Roma Capitale e dal Dipartimento di competenza” insiste il consigliere.
In una nota mandata all’indomani della polemica, Virginia Raggi aveva spiegato, che quelle affissioni violavano “le prescrizioni previste dal regolamento in materia di pubbliche affissioni di Roma Capitale, che vieta esposizioni pubblicitarie dal contenuto lesivo del rispetto di diritti e libertà individuali”.

Presa in giro o mancanza di controllo?

“Forse – conclude Pelonzi- è il caso che la sindaca intervenga nuovamente sugli uffici sollecitandoli a sbrigarsi o a darsi una mossa. Il ritardo sembra una presa in giro verso i cittadini o peggio appare come una mancanza di controllo sugli uffici da parte del Campidoglio”.

Condividi

Articoli recenti

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020