Categorie: News

Scritta sui muri “Il preside è gay” e il dirigente la lascia lì: «Non mi offende»

Una scritta apparsa sul muro del liceo Alfredo Oriani di Ravenna, che recita: “il preside è gay”. E il preside, Gianluca Dradi, ha deciso di tenere lì quella scritta. Il dirigente scolastico, infatti, era stato avvertito del fatto che qualcuno lo avesse accusato di omosessualità, ma lui non ha battuto ciglio e ha deciso di trasformare un atto vandalico e omofobico in un momento di crescita per i suoi allievi e per le sue allieve. E non solo.

Pietra d’inciampo per l’intelligenza umana

Gianluca Dradi ha motivato la sua decisione sul suo profilo Facebook, riportando le seguenti parole: «Ciò che offende non è la falsa attribuzione di una condizione, ma il fatto che uno studente del mio Liceo l’abbia pensata come a un’offesa. Non la farò cancellare: resti lì come una “pietra di inciampo” per l’intelligenza umana». Quindi, intervistato dalla stampa locale, ha così commentato il fatto: «Fra tutte le scritte che ci sono, all’inizio non me n’ero neanche accorto. Nella mia esperienza, ho notato che all’interno del tema del bullismo l’omofobia è un tratto ricorrente. Così, quando mi hanno fatto notare la scritta, invece che cancellarla, ho deciso di trarne spunto per un messaggio educativo». Messaggio che è arrivato, forte e chiaro. Basta vedere la solidarietà di quanti, tra vecchi e nuovi studenti, hanno deciso di stare attorno a questo preside illuminato e coraggioso.

Condividi

Articoli recenti

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020