Categorie: NewsOnda Pride

“Ognuno cia ficca a cu voli!”, la campagna del Palermo Pride fa discutere

Le foto sono comparse ieri sulla pagina Facebook del Palermo Pride che si prepara alla parata del 18 giugno prossimo. “Ognuno cia ficca a cu voli”, che in siciliano è  un modo un po’ colorito per dire che ognuno è libero di fare sesso con chi vuole. O meglio, letteralmente significa: “ognuno la mette dentro a chi vuole”. Le persone ritratte nelle foto, oltre alla collana con la frase in questione, mostrano un preservativo.

La frase è stata scambiata per lo slogan del Pride e la polemica è montata nel giro di poche ore sui social network: da chi ha accusato il Palermo Pride di volgarità fino a chi si è spinto a interpretarlo come un incitamento allo stupro e perfino alla pedofilia. Tutto nasce dal fatto che “ficcare”, in siciliano, indica il sesso penetrativo.

“Siamo di fronte ad un’esplosione di sessuofobia secondo cui ‘ficcare’ allude allo stupro – spiega Daniela Tomasino del coordinamento Palermo Pride -. La cosa, in realtà, è nata quasi per caso. DesignLab aveva realizzato quella collana per uso personale, stampandola in 3D. A noi è sembrata divertente e nel giro di poco c’erano le foto”. “Per altro, molti dei soggetti degli scatti sono ragazze – continua – come si può pensare che una donna si presti ad  una campagna che rischia di incitare allo stupro? Un’interpretazione del genere è offensiva nei loro confronti, prima di tutto, ma anche nei confronti del Palermo Pride e della sua storia”.

Nessuna marcia indietro né alcuna intenzione di ritirare le immagini, nonostante parlando di prevenzione il riferimento al solo sesso penetrativo rimanga riduttiva. “Poteva essere fatta meglio? Sì. È una cosa goliardica e anche un po’ volgare, ma ci mancherebbe altro che la libertà sessuale, la prevenzione e l’assenza di qualsiasi perbenismo non fossero temi di un Pride.  La rivendichiamo con orgoglio e anzi vorremmo che questa polemica spingesse le persone a riflettere sugli stereotipi che girano attorno al sesso. Perché il sesso penetrativo deve alludere ad un abuso? Non è più tempo di nascondersi dietro il politicamente corretto “. “Non è lo slogan ufficiale del Pride, non lo è mai stato – conclude Tomasino -, ma rivendichiamo questa campagna con orgoglio”.

Condividi

Articoli recenti

Rimini: per ordine del Tribunale, il Comune riconosce le due mamme di due bimbi

Il Tribunale di Rimini ha ordinato al Comune di Rimini di correggere l'atto di nascita dei figli di una coppia…

28 gennaio 2020

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020