Categorie: News

“Marielle Franco non la conosceva nessuno”. Bolsonaro jr però conosceva i killer

Le parole del deputato federale Eduardo Bolsonaro (PSL-SP) arrivano quasi come un proiettile sulla memoria di Marielle Franco la consigliera comunale di Rio de Janeiro e attivista per i diritti.
Per il figlio del presidente Jair Bolsonaro “L’omicidio della consigliera Marielle Franco non è dissimile da altri omicidi in Brasile”.

Lo stesso giorno in cui un’agenzia della polizia civile di Rio ha arrestato e segnalato due sospetti che avevano commesso il crimine, il membro del Congresso ha definito “disperato” il tentativo di collegare il crimine a suo padre. “Non la conosceva nessuno prima dell’omicidio”, ha aggiunto.

Coincidenze insolite

La polizia brasiliana considera coincidenze gli apparenti collegamenti tra il presidente Jair Bolsonaro e i sospettati dell’omicidio di Marielle.
Dopo la notizia dell’arresto di due ex poliziotti, sono emersi vari presunti collegamenti fra l’ex militare d’estrema destra e gli accusati, che hanno causato indignazione e polemiche.

Il killer in posa con il presidente

Uno dei due uomini sospettati, Elcio Vieira de Queiroz, pubblicò su Facebook una fotografia di se stesso con Bolsonaro (in cui quest’ultimo si vede solo parzialmente, la foto è poi stata cancellata), mentre l’altro viveva nello stesso edificio di lusso in cui risiede il presidente quando è a Rio. Bolsonaro ha sminuito il valore della foto, diventata virale sui social media, affermando che sia solo una delle migliaia di scatti fatti con membri di polizia e forze armate. La polizia ha dichiarato che è una coincidenza che il secondo sospettato, Ronnie Lessa, membro della polizia militare in pensione, viva nello stesso palazzo in cui risiede il presidente quando si trova a Rio.

La figlia del killer fidanzata con un Bolsonaro

Sarebbe stato Lessa a esplodere i 13 proiettili con cui il 14 marzo 2018 furono uccisi Franco e il suo autista, Anderson Gomes. Lessa è stato arrestato nell’abitazione nel ricco quartiere di Barra da Tijuca, davanti alla quale Bolsonaro celebrò con i sostenitori la vittoria alle presidenziali di ottobre.
“Non c’è relazione diretta con la famiglia Bolsonaro, non abbiamo scoperto nulla”, ha dichiarato il commissario della polizia Giniton Lages. Ha anche confermato che ci sarebbe stata una relazione sentimentale tra una figlia di Lessa e uno dei figli di Bolsonaro, sottolineando: “Giusto, ma per noi al momento non è importante”. Vieira de Queiroz, che fu licenziato dalla polizia militare, avrebbe guidato l’auto che inseguì quella su cui viaggiava Franco al momento dell’agguato. Prima dei due arresti di martedì, le indagini sull’omicidio dell’attivista non avevano apparentemente fatto progressi. Nessuna novità invece sui mandanti dell’assassinio.

Condividi

Articoli recenti

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020

Potenza, aggredita ragazza: “Vuoi fare il maschio? Le persone come te devono morire”

Aggredita mentre camminava per strada, insultata e pestata a suon di pugni. E' a Giulia Ventura, una trentenne di Potenza…

18 gennaio 2020

“Cosa succede quando dico a qualcuno che sono demisessuale”

Riceviamo e pubblichiamo la storia di F.G. un ragazzo demisessuale.

16 gennaio 2020