Categorie: News

Non licenziate Costantino: continuano gli appelli, online anche una petizione

Ricordate Costantino Saporito? Il vigile de fuoco, dirigente del sindacato USB, che è finito oggetto di un procedimento disciplinare per aver partecipato al Roma Pride e alla trasmissione Tagadà portando la divisa?
La sua battaglia contro il licenziamento, misura che potrebbe essere presa contro di lui, continua. Al suo fianco si è schierato anche il Partito per la tutela dei diritti di militari e forze di polizia.

Perché gli eventi religiosi sì e il Roma Pride no?

In una nota diffusa ieri, il segretario Luca Marco Comellini ha sottolineato una contraddizione alla base del procedimento di cui è oggetto Saporito. “Se è vero che tra i diritti inviolabili dell’uomo le fondamentali libertà di espressione e di religione hanno pari dignità e meritano la stessa tutela – scrive Comellini – allora occorre domandarsi per quale ragione la partecipazione ad un evento religioso di un vigile del fuoco in uniforme sia da considerarsi del tutto normale mentre quella al Roma Pride offensiva e meritevole di essere sanzionata”.

L’appello alle autorità

Comellini spiega di avere firmato la petizione promossa da All Out insieme al Roma Pride, al Circolo Mario Mieli e all’USB proprio in sostegno del vigile del fuoco, e di rivolgere la sua domanda al “Ministro dell’Interno Marco Minniti, al Pref. Bruno Frattasi, Capo del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile e al Capo del C.N.VV.F., Ing. Gioacchino Giomi”.

La petizione di All Out e la libertà di manifestare

Intanto, la petizione sulla piattaforma All Out ha quasi raggiunto l’obiettivo delle 3.000 firme.
“Crediamo che la libertà di manifestare non si possa processare e vi chiediamo di non licenziare Costantino” si legge nel testo che accompagna la raccolta di firme.
Un principio al quale si appella anche Comellini.
“La libertà di espressione, in ogni sua forma, è sempre lecita – spiega – quando è esercitata in modo pacifico e rispettoso della legge e da quanto ho potuto apprendere direttamente dal sindacalista dell’USB e dai suoi colleghi che a quella manifestazione hanno preso parte, liberi dal servizio, così è stato”. Infine, un richiamo ai principi che regolano le attività sindacali dei lavoratori: “Per questa ragione, ma anche per altre che riguardano la libertà d’azione dei rappresentanti sindacali, ritengo opportuno che il procedimento disciplinare avviato nei confronti del Coordinatore Nazionale dell’USB, Costantino Saporito, debba essere immediatamente annullato”.

Condividi

Articoli recenti

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020